La Basilicata alla XIII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum

Anche quest’anno la Basilicata avrà un suo stand nell’area del Centro Espositivo Ariston di Paestum ( Sa)  dove da ormai tredici anni si svolge la più importante kermesse legata al turismo archeologico nazionale ed internazionale, ovvero la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, che inizierà il prossimo giovedì 18 Novembre per concludersi domenica 21 Novembre. Già premiato per due anni di seguito come migliore allestimento, lo spazio espositivo che la Regione Basilicata realizza evoca anche quest’anno con dettagli, immagini e colori il ricco patrimonio archeologico di cui il territorio si caratterizza. Inoltre in questa tredicesima edizione verrà riproposta ai tanti visitatori che ogni anno si affacciano nello stand della Basilicata  l’eco della mostra archeologica “ Guardia Perticara. Archeologia di un centro entorio” , allestita dal 5 Agosto al 3 Novembre nel Palazzo Montano di Guardia Perticara (Pz) grazie al contributo delle Compagnie Petrolifere Total Shell ed Esso, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata, dall’APT Basilicata e dal Comune di Guardia Perticara. Nello stand della basilicata verrà infatti riproposto un video in cui il Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Policoro, Salvatore Bianco, curatore peraltro della mostra, racconterà la presenza del popolo degli Enotri nella Basilicata meridionale, ricostruendone usi, costumi, momenti di vita quotidiana attraverso i reperti ora rientrati nel Museo da lui diretta.  “La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum – afferma il Direttore Generale dell’APT, Gianpiero Perri- è ormai divenuta per la Basilicata un appuntamento immancabile grazie al particolare target cui la manifestazione si rivolge, e certamente affine all’offerta turistica del nostro territorio, ovvero appassionati di luoghi e di itinerari dove il paesaggio culturale sia in grado di raccontare un passato ancora ben visibile , dove i siti archeologici, i musei sappiano raccontare storie ed evocare miti e realtà dei tempi antichi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *