La Dia lancia l’allarme sulla criminalità organizzata in Puglia

Una borghesia criminale che certamente spara di meno rispetto agli anni Novanta e che – seguendo il flusso degli affari e dei settori più produttivi dell’economia – punta sempre più gli occhi sulle attività commerciali.
Questa è l’analisi di Carla Durante, dirigente della sezione di Lecce della Dia (Direzione investigativa antimafia) analizzando i dati relativi al secondo semestre 2017. La criminalità organizzata nel Salento negli ultimi anni sta lavorando per inserirsi in tutte quelle attività che producono ricchezza: alberghi, stabilimenti balneari e ristoranti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *