La fede è essere fra le braccia di Dio

La decisione del Santo Padre di indire l’Anno della Fede, che avrà inizio l’11 ottobre 2012 e terminerà il 24 novembre 2013, è opportunità per ripensare lo stile di essere cristiani. “Il cammino che conduce alla vita passa attraverso il deserto e il ritorno all’essenziale, a quella povertà interiore dove siamo autentici, dove siamo piccoli, dove non temiamo più il nostro limite”. Occorre lasciare cadere le apparenze e cercare non “l’eco ma la Parola”. In un’epoca di analfabetismo religioso il nostro caro San Rocco è modello di Sapienza divina. Dobbiamo guardare a fondo la fede di San Rocco, fede non apparente, non paurosa ma sostanziale, fede gioiosa che si poneva domande, interrogava Dio. Il nostro San Rocco aveva compreso perfettamente che “amare è attendere e donare”. Dio è amore in attesa e che si dona e la speranza nasce là dove il movimento di Dio e quello dell’uomo si incrociano. Per la “Pietra angolare” dell’Associazione Europea Amici di San Rocco, non si può avere fede e godere con cuore indurito del dolore dell’altro. S. Rocco uomo di fede, nell’anno della fede, invita a meditare su ciò che veramente vale nella vita. Cos’è amare? Amare non è emozione, non è sentimento, è un’azione, è un verbo: dare. Gesù non chiede l’amore con cui ami i fiori, la musica e la primavera. L’amore del Vangelo è un verbo: Dare! Dare cosa? La vita; niente di meno che la vita. Dare la vita è dare ciò che ti fa vivere…… il nostro dramma è che non abbiamo vita da donare, non riusciamo a dare se non insegnamenti, ordini, rimproveri,parole prive del sapore della vita che è il coraggio, la libertà e l’amore. Questa triade è stata incarnata, vissuta dal nostro San Rocco. Dobbiamo dunque abbattere la superbia “che è arroganza, che vuole soprattutto potere, apparenza agli occhi degli altri, essere qualcuno o qualcosa, non l’intenzione di piacere a Dio ma di piacere a sé stessi. Occorre umiltà che è soprattutto verità. Imparare che la mia piccolezza è proprio la mia grandezza, perché così sono importante per il grande tessuto della storia di Dio con l’umanità. Noi amici carissimi siamo un pensiero di Dio….. vivere contro la verità è sempre vivere male.

Tutta l’Associazione Europea Amici di San Rocco, con me, il nostro amatissimo Vescovo Sua Ecc.za Mons. Pietro Farina e Mons. Filippo Tucci si incammini con San Rocco e il Santo Padre Benedetto XVI con la Fede nel cuore per lanciarsi con affetto fra le braccia di Dio.

Fraternamente vostro Procuratore

Fratel Costantino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *