La Matera calcistica e giornalistica piange Renato Carpentieri

renato carpentieri

Un infarto ha stroncato la vita di Renato Carpentieri, giornalista de ‘Il Quotidiano della Basilicata’- Renato è spirato mentre faceva quello che ha sempre amato fare: essere in un campo di calcio e raccontare le vicissitudini ‘pallonare’ del Matera, di cui era un grande tifoso. L’ora del decesso è stata a mezzogiorno e mezzo circa. Inutili i soccorsi. Originario di Salerno e materano d’adozione, Renato Carpentieri è volato in cielo dopo aver compiuto 55 anni lo scorso 28 agosto. Lascia la moglie e tre figli, Daniele, Carmine e Annalisa. La camera ardente è stata allestita nella chiesa di San Vincenzo dè Paoli al borgo La Martella.

La notizia della sua morte ha lasciato tutti basiti. Il presidente Franco Stella, a nome personale e dell’intera Amministrazione provinciale, si unisce al cordoglio della famiglia e a quello di una intera comunità che oggi ha perduto un amico: “Sono triste. Renato era un grande professionista, un amante del giornalismo a cui dedicava tempo e attenzione, ma è stato anche un grande amico della sua La Martella e della città di Matera. Un amico per tutti noi, sempre disponibile e generoso non faceva mancare mai il suo sostegno. Persona cara che mi mancherà – dice Franco Stella – per quel suo essere persona franca e sensibile, diretta e altruista.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *