‘La Notte della Taranta’ per aiutare le popolazioni terremotate

La Notte della Taranta si farà. il ‘ponte di solidarietà’ fra il Salento e le popolazioni terremotate ci sarà, e la Notte della Taranta diventa l’evento simbolo di vicinanza alle vittime del terribile sisma che ha provocato morte e distruzione fra Lazio e Marche. Nelle parole di Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice (RI), il comune laziale più colpito, solo gioia e ringraziamento: “Sono commosso – dice in un messaggio che verrà letto sul palco – per l’affetto che la Puglia ci sta dimostrando. Tutto questo è la testimonianza che questo Paese quando vuole sa essere coeso e unito”.
Nella giornata di lutto nazionale, il Concertone di Melpignano, dove sono attese circa 200mila persone, dà vita alla prima e più imponente gara di solidarietà per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni colpite dal terremoto, a cominciare dagli artisti che devolveranno alla causa l’intero cachet della serata.
Stasera si suonerà, dalle 22.30 (con diretta tv su Rai 5), sul palco allestito davanti all’ex Convento degli Agostiniani di Melpignano; un collegamento ‘invisibile’ tra il comune leccese ed i comuni di Amatrice, Accomuli, Arquata e Pescara del Tronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *