La Provincia di Matera informatizza il Piano d’emergenza provinciale e comunale

Oggi dalle ore 11 alle ore 13, presso la Sala della memoria e del Ricordo dell’Ente di via Ridola, ha avuto luogo il primo seminario formativo sull’utilizzo del software per l’informatizzazione del Piano di Protezione civile rivolto ai Comuni del Materano. “L’incontro odierno – ha evidenziato l’assessore al ramo e vice presidente della giunta provinciale, Giovanni Bonelli – è rivolto ai Comuni di Accettura, Aliano, Bernalda, Calciano, Cirigliano, Colobraro, Craco, Ferrandina, Garaguso e Gorgoglione. Martedì 5 luglio e giovedì 7 luglio gli appuntamenti con tutti gli altri Comuni. Questo progetto ha lavorato sul doppio fronte della informatizzazione del Piano di protezione civile provinciale e sulla opportunità di consentire ai Comuni di poter generare il proprio Piano di protezione civile. In questo modo ogni Comune avrà la possibilità di modellare, sulle caratteristiche della propria area, il proprio strumento. Anche se il Patto di stabilità – ha proseguito il vicepresidente Bonelli – incombe pesantemente, ingessando l’azione propositiva dell’Ente, la Provincia intende sostenere i Comuni, soprattutto quelli più piccoli che rischiano di rimanere isolati nella gestione delle incombenze quotidiane, anche le più importanti.”

“Le recenti calamità naturali – ha ricordato il presidente della Provincia, Franco Stella – hanno rimarcato, in maniera drammatica, i problemi di dissesto idrogeologico di cui soffre il territorio. Serie e onerose le emergenze che abbiamo dovuto affrontare all’indomani del 2 marzo, eventi devastanti che hanno stravolto la geografia di un’area che ha perso moltissimo, in termini di opere pubbliche, di economia agricola e non solo. Un quadro a tinte fosche che ci impone di investire di più nella prevenzione del rischio, un’attività preziosa e necessaria su cui la Provincia sta puntando. Garantendo anche ai comuni la gestione informatizzata del proprio Piano di protezione civile raggiungiamo l’obiettivo di una concertazione operativa dinamica ed efficiente.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *