La Puglia si conferma il “granaio d’Italia”, ma le rese sono dimezzate

Con i suoi 360mila ettari coltivati, la Puglia rappresenta il “granaio d’Italia”, ma a causa del clima le rese sono state dimezzate fino a 12 quintali per ettaro. La qualità resta eccellente, come sottolineato dall’associazione di agricoltori. In provincia di Bari il calo della produzione raggiunge il 60%, mentre a Foggia la situazione è molto variegata tra zone irrigue e non irrigue, dove comunque hanno inciso gelate e siccità e si stima una diminuzione fino al 35% della produzione di grano.
“Le migliori varietà di grano duro selezionate, da Emilio Lepido a Furio Camillo, da Marco Aurelio a Massimo Meridio fino al Panoramix e al grano Maiorca, sono coltivate dagli agricoltori sul territorio pugliese che produce più di un quarto di tutto il frumento duro italiano”, ha evidenziato Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. A colpire i campi regionali non sono solo i cambiamenti climatici, ma anche l’allarme incendi. “In provincia di Foggia – spiega Pietro Piccioni, delegato confederale di Coldiretti Foggia – i nostri agricoltori stanno trebbiando con grande lena per evitare il rischio fiamme che è sempre in agguato. Se di originare naturale, dolosa o per mano di piromani, dal 20 maggio al 20 giugno sono state 70 le chiamate d’intervento ai vigili del fuoco per spegnare gli incendi in campagna”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *