La Segreteria Regionale Fials chiede all’Assessore Leone l’attivazione del tavolo Tecnico sulla contrattazione Integrativa

La Segretaria Regionale della Fials Luciana Bellitti ha inviato una richiesta all’Assessore  alla Salute per l’attivazione del tavolo tecnico sulle  linee generali di indirizzo sulla contrattazione integrativa in applicazione dell’art. 6 del CCNL del 21/05/2018 – Personale comparto sanità.

La Bellitti,  congiuntamente con il Segretario Provinciale di Potenza, Giuseppe Costanzo, e di Matera, Gianni Sciannarella, in linea di quanto previsto dal citato Contratto, sostengono la necessità di un confronto nell’avviare le linee guida generali di indirizzo per lo svolgimento della contrattazione integrativa aziendale; Considerato, tra l’altro, che le ultime linee generali di indirizzo del personale comparto sanità, risalgono all’anno 2010. 

I punti da trattare, secondo la sindacalista Bellitti, sono svariati: innanzitutto si rende necessario che le linee riguardino, tra le altre cose, l’utilizzo delle risorse aggiuntive regionali per la contrattazione integrativa destinate all’istituto della produttività sempre più orientata ai risultati; 

La revisione delle linee di indirizzo in materia di prestazioni aggiuntive del personale;

Le metodologie di utilizzo da parte delle aziende o enti di una quota dei minori oneri derivanti dalla riduzione stabile della dotazione organica del personale; 

Le modalità di incremento dei fondi in caso di aumento della dotazione organica del personale rispetto a quello preso a base di calcolo per la formazione dei fondi. 

Per i sindacalisti Fials si rende necessario e  improcrastinabile l’avvio di un confronto nell’individuare al personale Infermieristico del DEU e nell’ambito dei Dipartimenti della Psichiatria, o altri contesti lavorativi, il  riconoscimento dell’Indennità per particolari condizioni di Lavoro: “Indennità di sub-Intensiva”; 

Passaggio obbligatorio, come avviene da anni in altre Regioni essendo di competenza regionale nel rispetto del contratto vigente, per valorizzare e riconoscere al personale della Regione Basilicata tale indennità.

La Bellitti -conclude- che le materie previste dal nuovo contratto rendono pressoché obbligatoria l’attivazione del confronto sindacale, a tal fine gioco forza è necessario la costituzione del tecnico con le OO.SS. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *