La sezione donatori sangue Fidas Irsina ‘G. Attilio’ colora la città

La solidarietà e la generosità degli irsinesi anche quest’anno non è andata in ferie. Un’iniziativa tenutasi nei giorni scorsi  abbinando al messaggio della donazione due giorni di full immersion tra sport e pittura creativa.  Per questa edizione estiva il gruppo dei giovani della sezione ha deciso di trasformare la classica festa di piazza con tanto di musica live con un segnale di abbellimento della città. Difatti grazie all’idea di Francesca Attilio, Rocco Leone, Michele De Rosa, Luisa Leone  e Vanna Amato, i fondi associativi  destinati per la festa sono serviti per la sistemazione di 130 metri lineari del muro perimetrale del campo sportivo e per l’acquisto dei colori utili agli artisti di tutte le fasce d’ età che hanno dato sfogo alla loro  fantasia. “ Quest’anno” hanno spiegato i dirigenti Fidas di Irsina “ abbiamo proposto una edizione diversa. Attraverso la realizzazione di murales abbiamo avuto la possibilità di condividere con tutti i giovani del paese,  e anche gli studenti fuori sede,  un momento sociale molto forte. Siamo soddisfatti del risultato raggiunto anche per il torneo di pallavolo curato da Ciccio Candela , ma anche della presenza dell’intera Fidas Regionale a partire da Luicia Fuina responsabile giovani a quella del Presidente Pancrazio Toscano a Paolo Ettorre e Sabrina Gagliardi come stimolo e sostegno a non abbassare mai il livello di guardia”. “ Non posso che esprimere un pensiero di ringraziamento” ha commentato Pietro Amato Presidente della Fidas di Irsina “ a tutti quanti hanno collaborato per la buona riuscita dell’evento. Ho apprezzato molto la proposta fatta dai dirigenti , questo dimostra quanto sia maturo il livello della nostra sezione. Con rammarico abbiamo registrato qualche donazione in meno rispetto all’estate scorsa dovuta al blocco alle donazioni da parte del Servizio Sanitario Nazionale ai residenti in alcune città d’Italia come  Roma, Bologna ma soprattutto per noi l’Emilia Romagna dove gli abitanti di Sassuolo, molti, tornando  in paese per le ferie estive,  e da donatori abituali,  effettuavano il grande gesto di solidarietà. Questo dato non ci sconforta, sono certo che gli irsinesi sapranno  colmare nei prossimi mesi questo piccolo vuoto e sosterranno come hanno sempre fatto le situazioni di bisogno e di emergenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *