L’assessore ai Trasporti, Giovanni Giannini, risponde al segretario provinciale UIL Taranto e al segretario generale UIL Trasporti Taranto

La determinazione dei livelli di servizio di trasporto classificati “minimi” è un adempimento di competenza regionale necessario per assegnare, ai diversi ambiti, il complesso dei chilometri sufficienti a soddisfare le esigenze di mobilità dei cittadini.

 La valutazione tecnica appena condotta e presentata in Conferenza dei servizi si basa su criteri di efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa, tenendo conto sia delle dinamiche demografiche, socio-economiche e di domanda di mobilità espresse nei singoli ambiti, che delle indicazioni contenute nei piani di bacino provinciali esistenti.

L’approccio con cui la UIL Taranto e la UIL Trasporti Taranto a mezzo stampa boccia la proposta regionale appare superficiale oltre che ingeneroso, in quanto elude il cuore del problema e omette di considerare che si sta dando attuazione a precise disposizioni di legge, al fine di riorganizzare il servizio evitando di incappare in pesanti sanzioni che non possono più gravare sul bilancio regionale.

Il numero dei chilometri bus attribuiti ai territori nella proposta regionale è pari a 90,2 milioni, in aumento dell’1,3% rispetto al passato, e collocati laddove le matrici O/D (origine/destinazione) hanno accertato una “reale” necessità di mobilità dei cittadini pugliesi.

Questa determinazione, condotta per la prima volta secondo criteri di omogeneità, e confermata da una recente indagine sulla mobilità che ha visto la Regione e la sua agenzia ASSET impegnata in una rilevazione di oltre 35 mila interviste, consente per i futuri affidamenti di garantire un sostanziale incremento della voce ricavi innescando un virtuoso processo di efficientamento della spesa, a beneficio di quel perverso meccanismo sanzionatorio dello Stato, per il quale “meno persone viaggiano”=“meno trasferisco”.

Non si può continuare a sostenere un sistema di trasporto oggettivamente fallimentare. E’ miope invitare la Regione a prendere atto di un Piano di Bacino Provinciale che, per i servizi urbani del capoluogo, non ha fatto altro che prendere atto dell’affidamento “in house” all’azienda AMAT Spa da parte del Comune, trattando i servizi urbani di Taranto come invarianti rispetto allo scenario esistente e computando una percorrenza chilometrica annua pari a 7.011.472 bus*km, che il Comune non è mai riuscito a garantire.

Il trasferimento dei servizi urbani, tal quali come erano prima, non permette di compiere operazioni di efficientamento e razionalizzazione. E questo appare irrispettoso della legge, se solo si considera il fatto che annualmente il Comune di Taranto restituisce alla Regione 400.000 euro di finanziamento del proprio trasporto pubblico locale urbano per percorrenze non eseguite.

Come già ripetuto più volte, gli enti locali  potranno classificare aggiuntivi tutti i servizi che riterranno meritevoli di sussidio, poiché la Regione ha già previsto in bilancio stanziamenti per 23,5 milioni di euro per finanziarli. È ovvio, però, che andranno rispettati i parametri e i limiti stabiliti dalla normativa vigente. Nessun taglio, quindi, ma necessari interventi per garantire un efficiente servizio di trasporto collettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *