Latronico scrive al direttore dell’Agenzia dell’Entrate

 

In una nota inviata al direttore centrale dell’agenzia delle entrate Attilio Befera, il senatore del Pdl,  Cosimo Latronico, ha chiesto di intervenire su due gravi problematiche che interessano la Basilicata. Latronico ha chiesto di “considerare il contenuto di una petizione promossa dall’ordine dei commercialisti della provincia di Matera finalizzata a denunciare il disservizio che si determinerebbe per l’utenza per effetto del ridimensionamento dell’ufficio distaccato dell’agenzia operante nella città di Policoro. Tale ufficio ha svolto in questi anni una  crescente attività nei settori di competenza dell’ agenzia risultando uno degli sportelli più attivi. Per questa ragione non si spiegherebbe la decisione dell’ agenzia di ridimensionare l’organico e limitare le attività della sede di Policoro con indubbie ricadute negative per l’utenza cittadini  e dei numerosi comuni del circondario che afferiscono all’ufficio medesimo”. Il senatore lucano ha sollecitato il direttore centrale “ad esaminare la questione posta dall’ordine dei dottori commercialisti di Matera per assicurare servizi sul territorio adeguati al volume delle attività ed alle esigenze dei cittadini e delle imprese”. Inoltre il parlamentare lucano ha posto all’attenzione del direttore centrale dell’agenzia delle entrate, Attilio Befera, la decisione di sospendere temporaneamente alcuni servizi telematici sul portale www.acquistiinretepa.it., fondamentali per gli operatori del mondo dell’impresa che a vario titolo e modalità intrattengono rapporti economici con le Pubbliche Amministrazioni. Il parlamentare del Pdl, ha chiesto che “si trovi un rimedio alle situazione denunciate da numerosi imprenditori che vedrebbero compromessa la già difficile situazione della liquidazione dei loro crediti con il comparto della pubblica amministrazione per effetto delle ultime decisione di Equitalia che sospenderebbe le certificazioni di pagamento per circa 20 giorni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *