Lavoratori CIET di Matera in presidio

Lunedì 19 settembre i 19 lavoratori storici della CIET, sede di Matera, saranno in presidio davanti alla Regione Basilicata.

La CIET, nella provincia di Matera, era affidataria della gestione di servizi telefonici da parte di SIP, oggi TELECOM.

Tali lavoratori fino al 30.6.2011 erano collocati in CIGS in deroga.

Da parte del Ministero del Lavoro è stata chiesta alla Regione Basilicata la disponibilità a sostenere la parte che le compete rispetto all’erogazione dell’ammortizzatore sociale (40%); condizione questa necessaria per dare da parte del Ministero l’autorizzazione alla proroga della CIGS fino al 31.12.2011.

Ci risulta che la Regione non abbia espresso parere favorevole motivando tale diniego col fatto che nel frattempo tali lavoratori sono stati collocati in mobilità.

Non condividiamo tale atteggiamento, anzi lo condanniamo dato che tali lavoratori rivendicano comunque il lavoro; essere collocati in cassa integrazione determina un’opportunità in più per raggiungere l’obiettivo della ripresa del lavoro.

La Regione Basilicata ha investito molto nel settore della banda larga; questi lavoratori hanno la competenza e professionalità per essere ricollocati al lavoro: un’opportunità di lavoro andrebbe loro offerta proprio in quel settore in cui tanto si è investito. E’ un loro diritto.

Negare la proroga della CIGS equivale a collocare tali lavoratori nel dimenticatoio più di quanto non lo siano, purtroppo, già.

L’azienda CIET è disponibile, il Ministero del Lavoro è disponibile, perché la Regione dice NO alla CIGS?

I lavoratori lunedì mattina partiranno da Matera per recarsi davanti alla sede della REGIONE BASILICATA per rivendicare il LAVORO e per chiedere di non essere dimenticati.

Giuseppe Giannella – Segretario Generale FIOM CGIL Matera

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *