Leggere l’antropologia: Il culto mariano in Italia: La Madonna Nera

Gli occhi tuoi sono colombe. Come un nastro di porpora son le tue labbra, come spicchio di melagrana la tua gota. I
tuoi seni sono come due cerbiatti : tutta bella tu sei, amica mia, in te nessuna macchia , giardino chiuso, pozzo d’acque
vive”. Chi ha letto per la prima volta queste frasi è rimasto sorpreso per il libro in cui esse si leggono: Il Cantico dei cantici. Difficile è dire chi sia questa sposa, che si autopresenta “come bruna, ma bella”. Altrettanto, emblematica è la frase che lei dice alle amiche “Non state a guardare che son bruna perché mi ha abbronzata il sole”. E il sole, noi sappiamo, è la figura di Dio. Di certo è la Pura, la Senza Macchia, che rimanda con la sua bellezza fisica alla celeste Bellezza della Vergine per eccellenza e al tempo stesso Madre di Dio. Che cosa significa il colore nero della Vergine? Nera è la Notte, “madre degli dei e degli uomini”; il nero indica nel linguaggio degli stemmi la saggezza nelle avversità; nera è la sostanza che si trova nelle viscere della Terra e simboleggia il principio della materia prima; nera è la terra fertile, che diventa la dimora dei Morti pronti a risorgere, e nere sono anche la dea indiana Kalì e le Vergini Nere dei Templari. Al monaco cristiano e teologo francese S. Bernardo di Chiaravalle si deve l’appellativo di Notre Dame (Nostra Signora), riferito alla Madonna nera dei cristiani. Senz’altro, la Madonna incarna l’esigenza di riportare a misura umana e terrestremente positiva e consolatoria, la figura di una Presenza che protegge dal Negativo nel faticoso Viaggio che è la vita dell’uomo. Il culto della Vergine nera è diffuso in tutta Europa e, in particolare, in Francia. Ma la Madonna Nera è molto venerata anche in Italia. Come luoghi di questo culto ne citiamo alcuni come, Loreto, Montevergine, Viggiano.
                                                                                                                                                   Antonella Minardi
                                                                                                                                             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *