L’Ente Parco Gallipoli Cognato commissariato da un anno

Tra le tante questioni dimenticate da questo Governo regionale, ritroviamo anche la vicenda relativa all’Ente Parco Gallipoli Cognato, commissariato da un anno e abbandonato a se stesso. Così i Consiglieri Regionali del Partito Democratico Roberto Cifarelli Marcello Pittella.

Senza voler tornare nel merito delle inesistenti ragioni che hanno portato al commissariamento dell’ente, con una interrogazione abbiamo chiesto al Presidente della Giunta e all’Assessore all’Ambiente chiarimenti sull’argomento e, più precisamente ,sulla tempistica relativa alla pubblicazione del bando per la individuazione del nuovo Presidente dell’Ente Parco Gallipoli Cognato- Piccole Dolomiti Lucane, così come previsto dalla Legge Regionale n. 47/97, nonché le motivazioni circa il ritardo con la conseguente prosecuzione sine die del commissariamento straordinario.

E’ inutile ribadire – aggiungono gli  esponenti PD –  che l’Ente Parco è un soggetto che ha nella partecipazione e nel coinvolgimento uno degli elementi che determinano la riuscita delle politiche ambientali.

Aver escluso in questo periodo dalla gestione dell’Ente i territori interessati, rischia di trasformare un fatto straordinario, quale è il commissariamento, in assuefazione da parte delle popolazioni locali all’assenza di un ente invece importante per lo sviluppo del territorio. Ecco quindi, la necessità di dotarsi di propri organi di rappresentanza e gestione, in modo da poter pianificare le attività in maniera ordinaria e programmare le risorse economiche ed organizzative in un quadro temporale di medio e lungo periodo.

 L’unica cosa certa – concludono Cifarelli e Pittella – è che il marasma politico ed amministrativo nel quale siamo finiti per responsabilità della maggioranza di centro-destra lucana non è di buon auspicio per una rapida soluzione della vicenda. 

Povera Basilicata in che mani è finita. 
I Consiglieri Regionali 
Roberto Cifarelli
Marcello Pittella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *