Lettera aperta delle associazioni “Strada Statale 7 Matera-Ferrandina”, “Vittime Strada Statale 407 Basentana” e “Infrastrutture per Matera”

Lettera aperta delle associazioni “Strada Statale 7 Matera-Ferrandina”, “Vittime Strada Statale 407 Basentana” e “Infrastrutture per Matera” inviata all’Assessore regionale delle infrastrutture e mobilità Merra

“Dopo la sua conferenza stampa promossa nella Regione Basilicata per fare il punto sulla situazione delle infrastrutture viarie del territorio dell’intera Lucania di cui lei è Assessore.

In seguito la nota integrale:

“Mercoledì 8 Gennaio 2020, le Associazioni summenzionate, hanno appreso i contenuti della conferenza stampa dell’Assessore regionale alle Infrastrutture Merra.

Ormai con cadenza quasi mensile l’Assessore notizia in modo puntuale, dello sblocco dei lavori e del prosieguo dei cantieri sulla S.S. 658 Potenza Melfi (4 lotti con copertura di 12,5 milioni di euro, per 7 km, in 12 mesi) con possibilità addirittura di realizzare anche una nuovo asse Infrastrutturale (di importo non definito, e senza progetto Anas preliminare), proposto proprio dall’Assessore, nel Vulture Melfese, a servizio della Potenza Melfi e per decongestionarla; in più si parla di 17 milioni per la Strada Provinciale Galdo Pollino ( Ex S.S. 19, S.P. 4 e 34) la cui convenzione tra Regione e Mit sarà portata nella prossima giunta, finanziata dal Piano Operativo delle infrastrutture Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, viadotti a Barile da mettere in sicurezza, tutte infrastrutture in definitiva tutte potentine.

Ma della strategica strada S.S. 7 Appia Matera-Ferrandina, e del suo raddoppio, nessun cenno, è un annosa questione che si protrae ormai da 50 anni, anche se è in itinere un progetto quasi esecutivo, che va dal By pass tangenziale di Matera, con il raddoppio della strada statale 7 Matera-Ferrandina fino al bivio per Metaponto, strada ex S.S. 380 tre confini , con copertura effettiva ed integrale di 68 milioni di euro, con fondi Mit, Anas ed FSC europei.

Le associazioni del Materano sono rimaste basite per questa disparità di trattamento, e non menzione della S.S. 7 Matera-Ferrandina, come se la provincia materana non esistesse e non

rientrasse nei piani strategici e programmatici della Regione Basilicata, (invece menzionata più volte con schede di progetto nella relazione programmatica infrastrutturale del 2015 della Regione Basilicata, nonché nel piano nazionale, come da scheda Anas, visibile negli atti di trasparenza istituzionale Anas 2014-2020).

L’assessore Merra è l’assessore di tutta la Basilicata e fa parte di una maggioranza politica, dovrebbe fare gli interessi e rispondere alle istanze di tutta la Lucania ed affrontare a livello programmatico la situazione infrastrutturale nel suo insieme, stradale ferroviario ed intermodale.

L’assessore Merra deve considerare la Strada statale 658 Potenza Melfi che ha 9 mila passaggi giornalieri alla stessa stregua dell’adeguamento e raddoppio della Strada Statale 7 Matera-Ferrandina che di passaggi giornalieri ne ha ben più di 13 mila e sono in costante ascesa per flusso veicolare, anche in vista dell’istituzione delle nuove Zes, e flusso turistico ed utenti dei comuni limitrofi.

Ci auguriamo che l’Assessore Merra nella sua prossima conferenza stampa, ci informi sull’implementazione ed adeguamento della Strada statale 7 Matera-Ferrandina, affinché possa passare da strada secondaria C extraurbana a strada B a 4 corsie, un adeguamento degno per un asse che collega l’adriatico al tirreno ed anche per avvicinare agevolmente i due capoluoghi, del completamento dopo 40 anni della Bradanica, dello stato dei cantieri per il completamento della stazione ferroviaria Ferrandina-Matera, dei continui rinvii della messa in sicurezza della Strada statale 407 Basentana il cui cantiere oggi va a rilento, delle disastrose condizioni di assi viari provinciali ormai ridotti a veri tratturi, del ritardo del collaudo da 3 anni del ponte che collega Craco Peschiera a Pozzitello di Pisticci, ed altre situazioni critiche come la Cavonica che porta a San Mauro Forte, ed altre strade secondarie come dice l’Assessore (ma ne parlasse, qui sentiamo solo, Potenza, Melfi, Vulture, Lavello, Venosa, Fiorenza, Maratea, Acquafredda, Muro Lucano, è un po’ riduttivo il tutto, esiste anche Matera e la sua provincia).

Inoltre chiediamo all’Assessore Merra di inserire in modo strutturale, nella prossima gara d’appalto del Trasporto Pubblico Locale in scadenza il 31 Marzo 2020, le 10 navette Matera Bari Palese, e le navette per la FS Ferrandina visto che Matera non ha ancora una Ferrovia propria.

Attendiamo anche l’annosa questione del parcheggio Fal inutilizzato (dopo lo sperpero di soldi pubblici, più di 3 milioni di euro), e della metropolitana leggera da Serra Rifusa ad Agna a Matera per decongestionare il traffico turistico, mai partita.

Apprendiamo nel mentre scriviamo della prossima conferenza stampa del Presidente Bardi con gli Assessori Merra, Cupparo, Fanelli, Leone e Rosa, che si terrà il prossimo Mercoledì 15 Gennaio 2020 alle ore 11 nel palazzo della Regione Basilicata, in cui si farà il punto sull’attività svolta ed si illustreranno i programmi futuri per il 2020. Si spera per la prima volta dall’insediamento del nuovo Consiglio Regionale e della nuova giunta che si parla delle linee programmatiche infrastrutturali, economiche, del reparto agricolo ambientale e sanitario, di tutta la Regione Basilicata, compresa anche di un a sua provincia Matera ed il suo territorio abbandonato ormai a se stesso.

Chiediamo anzitempo al Presidente Bardi che ha esordito nel suo primo discorso istituzionale proprio sulla programmazione infrastrutturale dell’intera regione Basilicata, ed anche all’Assessore Merra, cosa ne pensano del raddoppio della Strada Statale 7 Matera-Ferrandina, asse strategico di collegamento tra le due provincie Potenza e Matera, strada a 2 corsie collo di bottiglia tra la S.S. 96 Bari-Matera e la strada statale 407 Basentana. Che progetti hanno per le infrastrutture nel materano? Soprattutto per le strade provinciali che versano in condizioni pietose?

Cosa ne pensano delle nuove zone Zes di nuova istituzione, soprattutto in zona Ferrandina che non hanno infrastrutture adeguate come il raddoppio della S.S. 7 Matera-Ferrandina.

Inoltre chiediamo dove sono i Fondi di Sviluppo e Coesione Sociale per il raddoppio della SS 7, in scadenza fra 3 anni?

I cittadini di Matera e provincia attendono risposte a tutte queste istanze.

Chiediamo in definitiva lo stato dell’arte e le tempistiche per velocizzare la realizzazione dell’opera, di interesse nazionale come da delibera Cipe n. 12 del 2001 ed inserito nel contratto di programma 2018-2020 siglato tra Anas, Mit e Regione Basilicata, del raddoppio della S.S. 7 Matera-Ferrandina Pisticci. (Scheda PZ139).

Con Osservanza

le Associazioni Infrastrutture e Mobilità del territorio Materano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *