Levante Danza Festival, le novità della seconda edizione

Nella prima edizione il Levante Danza Festival è stata una tre giorni di danza , con una parte dedicata al concorso e stage e l’altra all’esposizione. Nella seconda, invece ci saranno diverse novità all’interno della manifestazione, ad iniziare dall’attenzione maggiore alla danza a discapito della parte expo, per il momento “messa in cantina”.

“Quest’anno non ci sarà la parte fieristica – spiega il Direttore Generale Antonio Spada – noi l’anno scorso ci siamo concentrati forse troppo sulla parte expo e meno su quella della danza. Quest’anno invece, stiamo lavorando diversamente, puntando soprattutto sul concorso, sugli stage, sui laboratori e sullo spettacolo, con ospiti davvero importanti”. Altra novità evidente è la durata della manifestazione che sarà di quattro giorni, rispetto ai tre del 2011 e nella prima serata inaugurale avremo l’onore di avere uno dei danzatori italiani più amati dal pubblico, Raffaele Paganini, in scena con la sua compagnia per una serata ricca di fascino ed energia.

Nella giuria del concorso, diretta sempre da Marco Pierin, oltre a Luciano Cannito, Luigi Martelletta, Mauro Mosconi, Damiano Bisozzi, Paolo Aloise e Mr Froiio, ci saranno anche Alessandra Celentano, Raffaele Paganini e l’unico componente italiano dei Momix Donatello Jacobellis. Come giurati, valuteranno le tre categorie di concorrenti Senior, Junior e Under. Quest’ultima, introdotta quest’anno, darà la possibilità ai giovanissimi fino ad un età di 11 anni di partecipare al concorso. Le discipline nelle quali saranno suddivisi i ballerini sono: classica, moderna, contemporanea e hip-hop.

“Lo scorso anno il moderno e il contemporaneo – sottolinea Spada – erano uniti nella stessa categoria. Quest’anno abbiamo voluto renderle autonome. Sarà istituito il premio alla migliore coreografia che sarà premiata con una crociera per due persone per una settimana offerta dalla Costa crociere e London viaggi. Infine abbiamo pensato di istituire il premio della critica da parte di opinionisti e giornalisti”.

Oltre a giudicare le varie esibizioni dei partecipanti, i Maestri terranno degli stage, dei laboratori coreografici e delle audizioni alle quali potranno partecipare ballerini non iscritti al concorso. La maggior parte di questi sono a pagamento, ma ce ne saranno anche di gratuiti. Tra questi, venerdì 20 alle ore 18 Mr Froiio terrà un’audizione di danza hip-hop per la Momaccademy di Milano. Tutti i giorni, inoltre, dalle 18 alle 19 Antonio Santoro costruirà una coreografia di Michael Jackson Style che presenterà sul palco l’ultima serata di Gran Gala. Altra novità dell’evento sarà il pagamento del biglietto per assistere agli spettacoli di danza, in programma durante la manifestazione e al concorso.

“La manifestazione si autofinanzia – spiega Spada – attraverso le quote di partecipazione dei concorrenti o degli stagisti e il contributo di alcune imprese che, nonostante il drammatico periodo che stiamo attraversando, hanno voluto dare comunque un apporto economico. Purtroppo però tutto questo non sarà sufficiente per coprire le spese, per questo, quest’anno abbiamo stabilito un biglietto d’ingresso che invito tutti coloro che amano l’arte e la danza ad acquistarlo e godersi lo spettacolo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *