L’importanza di un Parco Naturale

Potenzialità e prospettive di un nuovo modo di intendere la fruizione di un parco naturale: perché, in fondo, un ampio spazio verde, incontaminato e dalla vegetazione lussureggiante, all’interno delle più consapevoli e efficaci strategie di marketing territoriale è, prima di tutto, una definita meta turistica da vivere in maniera pressoché unica e speciale.

“I parchi naturali tra tutela e modelli avanzati di valorizzazione e fruizione” è il titolo dell’incontro in programma per domani al Park Hotel a Potenza (ore 11), finalizzato ad illustrare le innovative iniziative previste dal Piano Operativo delle Attività nell’ambito del Piano Speciale Senisese, nel dichiarato obiettivo di fare della Basilicata la meta preferenziale per quei turisti che, dall’Italia e non solo, sono alla ricerca di un soggiorno attivo e coinvolgente in contesti naturalistici di grande pregio. 

Nel corso della tavola rotonda, organizzata dall’APT Basilicata, interverranno il presidente della Regione, Vito De Filippo; l’assessore regionale alle Attività Produttive, Restaino, e l’assessore all’Ambiente, Mancusi; i referenti dell’Ente Parco del Pollino, di Legambiente e della Soprintendenza dei Beni archeologici e paesaggistici della Basilicata.

Particolarmente attesa sarà la presentazione di un case history a cui la Basilicata dovrà guardare con particolare attenzione: Karl Friedrich Sinner, direttore del Parco Nazionale della Baviera, racconterà dell’esperienza ormai consolidata all’interno del parco tedesco che, per caratteristiche naturalistiche e di conformazione geologica, è molto simile a quello del Pollino, e dove simili soluzioni e innovative formule di fruizione sono state già ampiamente testate, e con successo.

Ad impreziosire ulteriormente la tavola rotonda, anche, i contributi da parte dei referenti del Parco nazionale Val d’Agri e Appennino lucano; del Parco regionale di Gallipoli Cognato; della Murgia materana e delle chiese rupestri; delle Amministrazioni comunali dell’area Pollino-Senisese e dell’associazione Guide Escursionistiche dei Parchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *