Lucart, Ugl: “Perché si persegue un dirigente sindacale?”

“Un ‘attacco discriminatorio’ nei confronti di un sindacalista ‘scomodo’. L’Ugl Basilicata darà mandato ai propri legali di procedere contro l’azienda a tutela del suo rappresentante che ha 31 anni di servizio e una figura professionale presente nell’azienda: fino a quando era iscritto ad un altro sindacato tutto era lineare, dal momento di rappresentare l’Ugl, tutto diventa anomalo e occasione di contestazioni disciplinari”.
E’ quanto denuncia l’Unione Generale del Lavoro Basilicata per l’atteggiamento che ha assunto l’azienda Lucart S.p.A. di Avigliano (PZ) nei confronti del dipendente nonché, RSA aziendale e dirigente provinciale Potenza dell’Ugl, Domenico Martinelli. L’o.s. tiene a precisare di “non aver mai chiesto trattamenti di favore, nel caso specifico c’è anche un attacco politico che mostra come la Dirigenza della Lucart intenda portare avanti le relazioni industriali con comportamenti polizieschi, umilianti e discriminanti. L’Ugl invita la Confindustria di Potenza a sensibilizzare la propria associata nel smetterla di perseguire un rappresentante sindacale, altrimenti si potrebbe pensare di essere in presenza di qualcosa di molto preoccupante per il nostro territorio, che rischia di incidere direttamente non solo sulla qualità del lavoro in fabbrica, ma sulla società tutta. L’auspicio è che la Lucart cambi rotta. La posizione dell’Ugl, in definitiva, è quella dell’invito al dialogo unitario con la parte datoriale senza contrapposizione: il muro contro muro, per l’interesse dei lavoratori, è la via che rischierebbe di portare più danni che benefici su una questione di priorità alta come è quella sul lavoro. Meglio sedersi a un tavolo e discutere con tutta la serenità possibile e a stretto giro trovare giuste soluzioni: in Basilicata ci sono questioni occupazionali che rischiano di esplodere se non si interviene. Si utilizzi il buon senso – conclude l’Ugl – con un vero confronto allargato alla partecipazione di tutti nell’interesse dei lavoratori, della Lucart e del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *