Manduria Lab chiede una commissione permanente antimafia per promuovere la legalità

Abbiamo atteso e sollecitato per giorni un cenno, un riscontro, un indirizzo ma ad oggi nulla.
Prendendo atto degli sviluppi degli ultimi giorni circa l’operazione “Cupola” e dei provvedimenti che portarono, nel 2018, allo scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni mafiose, ciò che è chiaro ed evidente è che a Manduria la mafia c’era e c’è, si è in più potenziata e meglio ramificata, insinuandosi nel tessuto sociale ed imprenditoriale della comunità.

È dovere dunque dell’amministrazione che si insedierà nei prossimi giorni, delineare delle soluzioni politiche d’impatto, che lancino messaggi chiari ed inequivocabile alla cittadinanza.

Crediamo fortemente, e ce ne faremo promotori in consiglio comunale attraverso la nostra consigliera eletta, che l’istituzione di una commissione permanente in materia di legalità e fenomeni mafiosi, favorirebbe un’intensa attività di contrasto alla corruzione e promuoverebbe l’utilizzo del principio della meritocrazia, troppo spesso dimenticata e sacrificata sull’altare dei clientelismi e dei favoritismi, impegnandosi nel contempo ad abbandonare la logica dell’emergenza nella quale le mafie sguazzano.

La commissione potrebbe oltre tutto garantire l’integrità morale di chi svolge funzioni pubbliche e occuparsi dei tanti beni confiscati alla mafia, che da troppo tempo attendono di essere riutilizzati per scopi sociali, come previsto dalla legge.

Manduria Lab, laboratorio politico progressista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *