Matera 2019 nel mirino Isis? Alzati i livelli di sicurezza

C’è anche Matera 2019 tra i prossimi eventi, più o meno lontani, tenuti maggiormente sotto osservazione dalle forze antiterrorismo nazionali dopo i sanguinosi attentati dell’Isis a Parigi. A renderlo noto, ieri pomeriggio, è stata l’Ansa che ha pubblicato anche il contenuto di una circolare inviata in giornata dal capo della polizia, Alessandro Pansa, a questure e prefetture di tutta Italia.
La circolare sensibilizza prefetti e questori ad “elevare il livello di sicurezza e vigilanza in occasione di particolari eventi di carattere culturale, religioso, sportivo, musicale e di intrattenimento dove è previsto un importante afflusso di persone”. In questi casi dovranno essere adottati specifici e stringenti controlli.
“Fino alla fine del 2015 – prosegue l’agenzia – non sono previsti avvenimenti a rischio terrorismo in Basilicata, dove la vigilanza è comunque continua in ogni manifestazione di rilievo. In prospettiva, un aumento della sorveglianza è previsto in vista del 2019, quando Matera sarà capitale europea della cultura”.
Negli scorsi mesi, in vista proprio degli eventi previsti per il 2019 la Corte dei conti ha dato già il via libera al Comune di Matera all’utilizzo di oltre la metà di quanto incassato dalle multe in “interventi innovativi” per la gestione della sicurezza. Incluso l’acquisto di nuove armi e dotazioni per la polizia locale.
A chiederlo era stata la stessa amministrazione a gennaio alla luce di «una situazione emergenziale denunziata come attuale ma anche futura (quale è quella derivante dalla designazione, avvenuta il 17 ottobre 2014 a “Capitale europea della cultura 2019”)”.
Antonio Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *