Matera espugna Ischia e aggancia il 3°posto

ISCHIA-MATERA 1-2
Ischia: Giordano, Finizio, Sirignano, Impagliazzo, Armeno, Bulevardi, Massimo (84’Verachi), Chiavazzo (73’Schetter), Millesi, Ciotola (76’Alvino), Infantino. A disposizione: Mennella, Formato, Bassini, Gerevini. Allenatore: Maurizi.
Matera: Bifulco, Mucciante, Faisca, D’Aiello, Bernardi (46’Diop), Iannini, Coletti, Mazzarani, Madonia (71’Pagliarini), Letizia (76’Ashong), Carretta. A disposizione: Russo, Ashong, Flores, Ferretti, Albadoro. Allenatore: Auteri.
Arbitro: Amoroso di Paola.
Reti: 70’Letizia (M), 79’rig.Infantino (I), 89’Diop (M).
Ammoniti: Chiavazzo, Massimo, Finizio, D’Aiello
Espulso il tecnico del Matera, Auteri, all’89’
Il Matera espugna il ‘Mazzella’ di Ischia e aggancia la terza posizione in classifica in virtù del ko della Juve Stabia a Melfi. Dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato e con poche occasioni da gol, mister Auteri sostituisce Bernardi con Diop per aumentare il peso offensivo. Mossa che produce gli effetti sperati, perchè dopo un paio di conclusioni fuori bersaglio di Letizia, il Matera passa in vantaggio proprio con l’attaccante campano, al minuto 70: Iannini prova la conclusione dal limite, Giordano respinge con i pugni, sulla sfera si avventa Letizia che controlla ed insacca, seppur in sospetta posizione di fuorigioco.
L’Ischia non abbassa la guardia e arriva al pareggio all’80’: Infantino, ex di turno, conquista il rigore per il fallo subito da D’Aiello: dagli 11 metri lo stesso attaccante ischitano spiazza Bifulco. Sembra fatta per i padroni di casa, ma Diop all’89’ si dimostra attaccante da zona Cesarini e, dopo le reti di Salerno e Martina Franca, si ripete anche al ‘Mazzella’: corner di Coletti e inzuccata dell’attaccante senegalese, pallone nell’angolino alla destra di Giordano e Matera nuovamente in vantaggio.
Ora la formazione di Auteri si ritrova terza in classifica, anche se le distanze dalla altre inseguitrici rimangono invariate, dato che sia Casertana che Lecce hanno vinto. Ma i materani hanno il destino nelle loro mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *