Matera, Luci in via Annunziatella: risposta del consigliere Vito Sasso

Leggo il comunicato degli Assessori Tragni e Montemurro a seguito dell’interrogazione sulle luci in via Annunziatella, e sinceramente sono molto imbarazzato per loro per vari motivi; in primo luogo perché non hanno conoscenza del Regolamento per la tutela del verde Urbano, fermo all’anno 2005, materia di competenza dell’Assessore Tragni. L’art. 15) al punto 1.5 vieta infatti di: “appendere strutture di qualsiasi genere agli alberi, e di avvolgere il tronco con filo di ferro”. In via Annunziatella, gli operatori commerciali, avevano a proprie spese acquistato lampadine posizionate in maniera volante sulla pubblica via, sostenute con fili di plastica o di nylon invisibile sui rami degli alberi. Ciò è stato fatto non per illuminare la propria attività come è stato invece scritto in maniera falsa e deplorevole dagli Assessori Tragni – Montemurro, bensì per garantire un minimo di sicurezza e visibilità in una via abbandonata dall’Amministrazione comunale. Non si viola quindi alcun regolamento, sia perché nella fattispecie non si può parlare di strutture, sia perché non è stato utilizzato da parte degli operatori economici il filo di ferro intorno al troco.

Ancora più imbarazzante risulta l’assoluta lontananza di questa Amministrazione dalla cittadinanza materana e dalle loro esigenze. Il giorno in cui sono state fatte smontare le luci, vi erano più commercianti contrari a quanto richiesto, non solo uno come detto invece dal duo Tragni – Montemurro. A riprova di ciò vi è il fatto che è intervenuta l’Associazione di categoria Confesercenti in rappresentanza degli esercenti, chiedendo un incontro con l’Amministrazione.

In terzo luogo è imbarazzante riscontrare la superficialità degli Assessori anche nel leggere l’interrogazione. Il sottoscritto, infatti, mai ha avallato comportamenti irrispettosi nei confronti degli agenti di polizia municipale, ma ha semplicemente fatto il proprio dovere di consigliere comunale, chiedendo al Sindaco se gli stessi operatori commerciali potranno, a seguito della potatura degli alberi, nuovamente montare le lampadine a proprie spese sulla pubblica come fatto sino ad ora (proprio in considerazione del fatto che per lo scrivente non è stato violato il Regolamento), e se ciò non fosse possibile, quali sono le iniziative dell’Amministrazione in programma per la pulizia dei vetri dei lampioni oggi presenti e per la sostituzione delle luci con altre più potenti su via Annunziatella. Per finire dico all’orecchio all’Assessore Tragni e Montemurro per conservare la propria credibilità, di far rimuovere quanto prima i molteplici fili sul tronco dell’albero collocato tra via XX Settembre e via Fratelli Rosselli, ed i fili su un albero tra via XX Settembre e via Lucana a sostegno di luminarie. Sarebbe inoltre opportuno che gli Assessori rimproverino pubblicamente i “compagni” della Fondazione per aver apposto in passato bandierine ed altro su fili collegati ai rami degli alberi. Il Regolamento deve essere applicato sempre, a prescindere se chi commette la violazione è un “compagno” oppure un semplice operatore commerciale.

Matera, lì 9/6/2019                                                                                                                       f.to avv. Vito Sasso

                                                                                                                              Consigliere comunale “LAVORO E SVILUPPO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *