Matera, la querelle dello stadio ‘XXI Settembre’ non ha fine

Sembra la trama di un romanzo. Ma il finale potrebbe riservare sorprese negative per i tifosi del Matera. La questione dello stadio ‘XXI Settembre’ non accenna a trovare un epilogo. E così Saverio Columella, patron della società biancazzurra, ha perso la pazienza. Non vuole aspettare altro tempo, in pieno calciomercato. Un calciomercato di livello, che ha portato nella città dei Sassi calciatori di categoria come Cuffa, Guerra, Baiocco.

“Sono stanco di aspettare invano. Non chiedo la luna, ma semplicemente la possibilità di usufruire dello stadio cittadino, o di altri impianti limitrofi, per il regolare svolgimento dell’attività agonistica. Tra 7  giorni la squadra tornerà dal ritiro in Abruzzo, e non sappiamo ancora dove fare allenare i calciatori. Sinora ho avuto colloqui con il sindaco Adduce, gli assessori, sulla questione stadio. Mi sono sempre mosso in prima persona, perchè ci tengo fortemente a che il progetto calcistico che ho iniziato qui possa continuare a dare frutti. Ma di fronte all’indifferenza o ai tentennamenti, non posso farci nulla. Io la mia parte l’ho fatta: ho atteso tutto il tempo necessario, forse anche troppo, ma arrivati a questo punto, non so più cosa fare”.

La bomba, Columella, l’ha lanciata. E pure bella grossa. Una doccia gelata, una mazzata vera e propria. “Entro fine settimana vado in comune e consegno la società nelle mani del sindaco. Poi lui deciderà il da farsi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *