Mazzocco sui provvedimenti nel settore zootecnico

“La Regione Basilicata si è attivata immediatamente, per far fronte ai tagli del governo, approvando due provvedimenti di estrema importanza ed efficacia per il settore zootecnico lucano. Con la delibera n. 429 del 29 marzo 2011 la Giunta regionale ha approvato il “Programma biennale dei servizi di assistenza tecnica in zootecnia – periodo 2011-2012”. Contestualmente è stato approvato il Programma esecutivo annuale 2011, con uno stanziamento di 2,7 milioni di euro, ripartito per il 75 per cento all’Apa di Potenza e per il 25 per cento all’Apa di Matera”. Lo precisa l’assessore all’Agricoltura, Sviluppo rurale ed Economia Montana della Regione Basilicata, Vilma Mazzocco, in risposta alle affermazioni contenute in un comunicato di Fai Cisl e Flai Cgil pubblicato su Basilicatanet. L’esponente del Governo regionale intende sottolineare, in proposito, la differenza di comportamento sulla vicenda: “Da un lato i tagli del governo, dall’altro l’assunzione di responsabilità verso il settore zootecnico della Regione Basilicata.

“Come è noto – aggiunge Mazzocco – il decreto Milleproroghe n. 225 del 29 dicembre 2010 , ha determinato l’azzeramento delle risorse previste per lo svolgimento delle funzioni pubbliche relative ai libri genealogici e ai controlli funzionali sulle attitudini produttive delle razze di interesse zootecnico, mettendo a rischio la sopravvivenza della selezione genetica nazionale, vanificando di fatto decenni di investimenti pubblici fin qui sostenuti; per quanto riguarda la Basilicata il taglio delle risorse è di oltre 8 milioni di euro dei quali circa 1,5 destinato alla tenuta dei libri genealogici ed ai controlli funzionali. Le conseguenze della scelta del Governo sono pesanti e si ripercuoteranno in vari ambiti: il ridimensionamento della selezione genetica zootecnica nazionale rischia di produrre la totale dipendenza dall’estero; la soppressione di un sistema di controllo puntuale sulla qualità del latte non garantirà i consumatori. Sono inoltre in pericolo alcune migliaia di posti di lavoro di addetti, presenti in tutte le regioni italiane e che da decenni assicurano una funzione pubblica di assistenza sanitaria e tecnica agli allevatori. La Regione Basilicata – conclude l’assessore – ha al momento stanziato, nell’ambito del suo Bilancio, per le attività delle Apa la cifra di 2,7 milioni di euro che, ovviamente non sono sufficienti a garantire lo svolgimento delle funzioni di tenuta dei libri genealogici da parte delle Apa ai sensi delle leggi nazionali 30/91 per tutto l’anno 2011. Il Dipartimento Agricoltura ha già reso nota l’indispensabilità delle somme necessarie a garantire l’operatività delle Associazioni Allevatori della Basilicata e la tenuta dei libri genealogici”.

Sul tema specifico di rivedere la politica dei tagli al sistema delle Apa da parte del Governo Nazionale, nella giornata di domani l’assessore Mazzocco parteciperà a Roma ad una riunione convocata dal coordinatore della Commissione Politiche Agricole con la partecipazione di tutti gli assessori regionali all’agricoltura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *