Mesagne, trovato accordo con le famiglie dei ragazzi disabili

E’ stato trovato un accordo tra il Comune di Mesagne e le famiglie dei disabili gravi che hanno visto, nello scorso weekend, tagliarsi drasticamente le ore di assistenza domiciliare con gli operatori socio assistenziali. Nella mattinata di mercoledì, la situazione sembrava essersi ormai ridimensionata, in occasione di un incontro con servizi sociali, sindaco di Mesagne Pompeo Molfetta e le famiglie dei ragazzi. L’accordo è stato raggiunto ieri, e prevede 4 ore quotidiane per tutti i disabili gravi (3 di osa e 1 di oss) a fronte delle 6 previste in precedenza, sino a febbraio, quando cioè è previsto l’arrivo dei finanziamenti da parte della Regione Puglia che dovrebbero consentire al comune di riprendersi.
Ad alcune famiglie è stato anche detto che, nel momento in cui le ore degli operatori socio assistenziali non dovessero essere sufficienti, ci dovrà essere una compartecipazione delle famiglie, in termini economici, per il pagamento del personale: 10 euro al giorno, che a fine mese diventerebbero circa 600 euro per ogni disabile. Se non si dovesse sostenere il pagamento, il servizio verrebbe sospeso.
Le famiglie, per il momento, si ritengono soddisfatte, anche se si è piuttosto lontani dal monte ore necessario per rendere ottimali le condizioni dei figli. “Vorremmo solo che i nostri figli vivano il più dignitosamente possibile e senza elemosinare un loro diritto. Se loro non possono farlo da soli, lo faremo noi genitori con le unghie e con i denti”, è stata la frase ripetuta più volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *