Migliorano le condizioni del 13enne colpito da un fulmine nel Salento

Sta meglio, non è più intubato e respira da solo il 13enne senegalese colpito da un fulmine mentre si trovava su una spiaggia tra Porto Cesareo e Torre Lapillo, in Salento. Lo si apprende dalla direzione sanitaria della Asl di Lecce. Assieme al ragazzino c’erano altre quattro persone, due delle quali – un 17enne senegalese e un 29enne italiano – sono state già dimesse ieri sera.
Il 13enne – a quanto viene riferito – ha delle ustioni legate all’entrata e all’uscita del fulmine, non è in grado di relazionare perfettamente, ma dal punto di vista neurologico risponde bene agli stimoli diagnostici di valutazione compiuti dai medici del Vito Fazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *