Minacce a Bentivogli, la solidarietà della Fim Cisl e dell’Ugl Metalmeccanici

“Non saranno cinque proiettili meschinamente inviati a fermare l’azione del nostro segretario nazionale Marco Bentivogli. Siamo vicini umanamente e sindacalmente, a Marco Bentivogli, per le minacce ricevute”. Lo ha detto Gianfranco Gasbarro, Segretario Generale Fim Cisl Puglia, commentando l’atto intimidatorio cui è stato vittima Marco Bentivogli, Segretario nazionale della Fim Cisl.

“Marco non è solo e per questo chi, nascondendosi vigliaccamente dietro l’anonimato, pensa di fermare la sua azione sindacale non ci riuscirà. Noi siamo tutti con lui.  I proiettili che il nostro segretario nazionale ha trovato tra la posta consegnata a casa sua sono la dimostrazione che i sindacalisti autentici sono sotto attacco. Marco Bentivogli non è nuovo ad atti intimidatori, tant’è che da anni viaggia sotto scorta. A Marco va la solidarietà della Fim Cisl di Puglia. Spero che questo episodio non venga derubricato a gesto folle di qualcuno o a una sorta di scherzo, perché così faremmo il gioco di chi ha forse cercato di intimorire e minare l’autonomia di Bentivogli e del sindacato. La Fim Cisl Puglia è pronta a sostenere il segretario Marco Bentivogli e tutti coloro i quali sceglieranno sempre la legalità, condannando atti come questo”, ha detto Gasbarro.
Solidarietà a Bentivogli anche da Antonio Spera, Segretario Nazionale dell’Ugl Metalmeccanici. “
Auspichiamo che le indagini chiariscano al più presto in quali ambiti sia maturata questa gravissima e inaccettabile intimidazione, che vengano applicate tutte le iniziative di tutela necessarie a garantire la sicurezza dell’amico, del collega già segretario Fim Cisl, Marco Bentivogli che si è visto recapitare una busta e tre proiettili davanti al suo appartamento di Roma: una chiara minaccia quella fatta pervenire che l’Ugl condanna senza ma e senza se. Se le minacce inviate a Marco sono chiare come riferisce un messaggio con un riferimento altrettanto chiaro all’intesa siglata nel 2011 sulla Fiat a Pomigliano, anche l’Ugl sarebbe pronta a sottoscriverlo nuovamente senza rinnegare nulla. Per chi vuole intimidire, siamo pronti a far capire di non aver paura e non temere nulla ricordando che quell’accordo a distanza di 10 anni dalla sottoscrizione, fù firmato unitariamente dai sindacati del ‘sì’ che permise per tutti i circa 90mla dipendenti Fiat di ottenere da subito un premio straordinario di 600 euro. Con Bentivogli e noi tutti del ‘si’ – prosegue Spera – avvenne una svolta nelle relazioni sindacali, sedendoci al tavolo con Fiat, dimostrando uno spirito innovativo a tutela di tutti i dipendenti del Gruppo e ottenendo un risultato  superiore alle aspettative dopo una difficile e faticosa trattativa. Chi ha minacciato l’amico Bentivogli, ha minacciato tutti noi sindacalisti con questo episodio gravissimo. Chiediamo sia fatta al più presto chiarezza, Marco e tutta la Fim-Cisl non sono soli: per l’Ugl – conclude Spera – chi ha tentato di creare con minacce a Bentivogli un clima di paura e di tensione al sindacato, ha sbagliato. Dalla nostra parte abbiamo la gente per bene, i tantissimi lavoratori metalmeccanici che oggi vivono in una situazione di forti criticità: firmare 10 anni fa quell’accordo significava permettere di salvare migliaia di posti di lavoro e rilanciare la produzione”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *