Mostra collettiva ‘Mater Altra’

Lo sguardo di cinque appassionati di fotografia per raccontare una Matera poco nota: quella dei centri sociali, dei volontari nelle parrocchie e di chi presta il proprio aiuto per spegnere gli incendi. Dei quei ragazzi uguali nella passione per il gioco del pallone e diversi per etnia e, ancora, delle persone che “viaggiano” sui mezzi di trasporto pubblico urbano. E’ questa la città, nella quotidianità spesso invisibile, che si riscopre negli scatti di Aldo Cancelliere, Carla Corazza, Marcello Coronella, Lorella Ruscigno e Giusy Schiuma. I cinque autori delle fotografie che compongono la collettiva “Mater Altra”.

La mostra, la quattordicesima e ultima proposta per la rassegna “MateraFotografia” 2012, sarà inaugurata alle 19 di giovedì 4 ottobre alla galleria L’Atrio in via San Biagio n.29 a Matera. All’inaugurazione, oltre agli autori degli scatti, interverrà l’assessore comunale alle Politiche sociali Simonetta Guarini.

“MaterAltra – spiegano gli autori delle fotografie – è il tentativo di condividere un’esperienza emozionale che ha coinvolto per primo chi, dietro il proprio obbiettivo, ha provato ad esplorare una realtà “altra” e di minor impatto quotidiano. Pur con la consapevolezza che la fotografia offre solo l’illusione di rivelare una realtà”.

Ed è da questo assunto che prendono vita gli intensi scatti di Aldo Cancelliere sugli autobus cittadini. Carla Corazza ha scelto, fotografando il Centro sociale Le fucine dell’Eco, di far solo intravedere alcune figure: “non volevo – spiega Carla Corazza -che le persone ritratte potessero “identificarsi” con il centro sociale che, per sua vocazione, è un luogo aperto e fruibile da tutti”. La quotidianità del volontariato, ovvero le mani operose di chi suddivide e piega per un futuro utilizzo gli indumenti donati alla parrocchia di San Rocco, è raccontata da Giusy Schiuma. Il volontariato in momenti d’emergenza, come gli incendi, è il tema di Lorella Ruscigno che ha seguito con il suo obiettivo i volontari di Legambiente. La Matera dell’integrazione, quando con il gioco del calcio cadono barriere e le differenze razziali vengono meno, è la MaterAltra di Marcello Coronella. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 14 ottobre, si potrà visitare tutti i giorni dalle 19.30 alle 22.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *