Mostra itinerante I colori dell’Ofanto

castello pirro del balzo_venosaCome di consuetudine, cade in questo periodo la settimana Unesco dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile (DESS) dedicata quest’anno al tema “ I Paesaggi della Bellezza: dalla valorizzazione alla creatività”. In occasione di tale ricorrenza il Club Unesco del Vulture si pregia di inaugurare la Mostra Itinerante “I colori dell’Ofanto” che sarà visitabile dal 4 all’8 dicembre (h 18.00-22.00) presso il Castello Pirro del Balzo in piazza Umberto I, a Venosa. Questa mostra, frutto della collaborazione con i Club Unesco di Cerignola, Barletta e Canosa di Puglia, mira, insieme alle altre iniziative, a rafforzare l’impegno dei precedenti anni profuso dagli stessi club, lanciando in questa edizione un progetto tanto inedito quanto ambizioso: “Adottiamo un luogo DESS”. Il luogo scelto è proprio il Fiume Ofanto, bene importante che attraversa il nostro territorio e che unisce idealmente tutte le popolazioni che ad esso si affacciano (tre regioni e 36 comuni).

L’obiettivo che il Club Unesco del Vulture intende porre in essere di concerto con gli altri , è quello di ricongiungere e mettere a sistema tutte quelle realtà territoriali, da Torella di Lombardi (nel cui territorio insistono le sorgenti del fiume Ofanto) fino a Barletta (dove sfocia, in Adriatico), con la finalità ultima di approdare all’ istituzione di una riserva naturale e al riconoscimento come “Luogo DESS” per il fiume Ofanto. Il bacino del fiume Ofanto racchiude in sé, infatti, tutte le tematiche che un progetto Dess può affrontare, dal momento che, oltre alla bellezza paesaggistica, incontra luoghi teatro di importanti avvenimenti storici ed è un vero e proprio laboratorio della biodiversità.

Lo spirito Unesco è quello di realizzare un maestoso esempio di riappropriazione da parte della natura di terre e luoghi “violentati dall’attività umana”, sensibilizzando le popolazioni, adulti, giovani e bambini, alla conservazione, alla cura, alla tutela e fruizione di un bene che ancora in molti non si accorgono di avere vicino.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *