Nasce Rete Sud, partnership tra i gestori dei servizi pubblici locali

Dopo la partnership con Acquedotto Pugliese, siglata nel 2015, ed il percorso con i gestori dei servizi idrici del Mezzogiorno avviato sin dal 2016, ieri mattina a Roma l’amministratore unico di Acquedotto Lucano, Michele Vita, ha sottoscritto il protocollo di intesa per la realizzazione di una rete di imprese denominata “Rete Sud”. L’iniziativa è stata promossa da Utilitalia, la federazione che riunisce le imprese italiane dei servizi idrici, energetici e ambientali, ed ha l’obiettivo di dare slancio all’offerta di servizi e di supporto alle aziende di servizio pubblico locale del Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.
La Rete Sud si configura come uno spazio di confronto e programmazione tra le imprese stesse, con lo scopo di trasferire le esperienze, le migliori pratiche ed affrontare le problematiche emergenti, oltre a valorizzare il collegamento con Utilitalia e aumentare l’efficienza e la capacità gestionale. In particolare, potranno essere promosse iniziative e servizi comuni nelle seguenti aree tematiche: approvvigionamenti congiunti; consulenza sulle normative regionali di settore e raccordo con il quadro legislativo e regolatorio nazionale; confronto e reciproca assistenza per gare, appalti e concorsi; o consulenza legale, economico-finanziaria e fiscale; collaborazione e interscambio nelle attività di formazione; valutazione comune dei progetti formativi finanziati dai fondi interprofessionali (Fonservizi, Fondirigenti); reciproco scambio di informazioni sulle opportunità di finanziamento offerte dai fondi UE; supporto reciproco alla ricerca di partner per la partecipazione ai bandi in collaborazione con rispettive Camere di Commercio e ideazione comune per la presentazione di iniziative e progetti; valutazione comune della possibilità di accesso da parte delle aziende a strumenti finanziari del territorio; sviluppo e armonizzazione dei reciproci siti internet e raccordo nelle campagne di comunicazione; collaborazione per la creazione di

una banca dati economico-finanziaria delle aziende.
Per raggiungere gli obiettivi e portare a termine le proprie attività, Rete Sud utilizzerà risorse e prestazioni messe a disposizione dalle imprese, le loro competenze e il loro know how, con il coordinamneto operativo di Utilitalia. Saranno infatti creati dei gruppi di lavoro che si occuperanno di: ambiente e sicurezza; sviluppo delle infrastrutture e accesso ai fondi comunitari; affari legali e societari; amministrazione; regolazione del servizio, a partire da quella tariffaria; gestione del personale e sviluppo attività formative; rapporti commerciali; comunicazione; gestione efficace ed efficiente delle reti
e degli impianti.
A sottoscrivere il protocollo di intesa per la costituzione di Rete Sud, per Acquedotto Lucano era presente l’amministratore unico Michele Vita. “I gestori del Sud Italia – ha sostenuto Vita -, pur mantenendo ciascuno la propria autonomia, sono in grado di esprimere una visione di insieme, che punti a disegnare una strategia complessiva sull’uso nel settore dei servizi pubblici locali, valida per gli anni a venire. Stringere un’alleanza larga, che veda protagoniste le aziende del Mezzogiorno, significa
progettare strumenti e meccanismi nuovi, che possono permettere di raggiungere standard di efficienza sempre più elevati e garantire un futuro di sviluppo ai territori”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *