Nota del consigliere Rosa sulle indennità alle guardie mediche

“Invitiamo la Giunta regionale ad annullare al più presto le delibere n. 347/2017 e 1037/2017 che disponevano la sospensione delle indennità aggiuntive ai medici di Continuità assistenziale e autorizzavano il recupero delle annualità pregresse”. Così il consigliere regionale di Laboratorio Basilicata – Fratelli d’Italia, Gianni Rosa, che aggiunge: “l’annullamento in autotutela si rende indispensabile alla luce  della sentenza del Giudice del Lavoro del 13 luglio 2018 del Tribunale civile di Potenza che ha accolto il ricorso avanzato da numerose guardie mediche contro la Regione Basilicata e l’Azienda sanitaria locale di Potenza”.
“Questa sentenza – sottolinea Rosa – difende la validità e l’efficacia dell’Accordo integrativo regionale, approvato con delibera di Giunta regionale n. 331 in data 11 marzo 2008, e dichiara illegittimi tanto la sospensione del pagamento delle indennità previste quanto il recupero delle indennità già pagate nelle annualità pregresse. E’ la prima importante vittoria per i medici di Continuità assistenziale che, finalmente, vedono riconosciuti i loro diritti spazzati via, insieme alla loro dignità professionale, dalle suddette delibere”.
“E’ una vicenda che abbiamo seguito fin dall’inizio – dice il consigliere – fin dal primo invito della Corte dei Conti alla Regione Basilicata affinché presentasse delle controdeduzioni in merito al contestato Accordo integrativo regionale. Come abbiamo denunciato sin da allora, il Governo regionale rinunciò a difendere la ‘bontà’ e la legittimità di quell’Accordo, scaricandone il fardello sulla classe medica per non incorrere in eventuale danno erariale. Sempre per tutelare i medici, ma anche l’Ente Regione al fine di evitare un danno erariale, abbiamo fatto approvare la norma che sospende il recupero dei presunti crediti avanzati dalla Regione. Il Tribunale di Potenza ci dà ragione su tutta la linea. Adesso, però, è necessario che si riprenda il versamento delle indennità e degli arretrati”.
“Questa prima sentenza – sostiene Rosa – va a compensare la profonda ingiustizia che una classe politica inadeguata aveva inflitto a questa categoria professionale che, verosimilmente, si attiverà attraverso una valanga di ricorsi e di azioni legali per il ripristino delle indennità sospese maggiorate di rivalutazione finanziaria ed interessi. E questa volta, sul serio, per il Governo regionale, potrebbe configurarsi l’ipotesi di danno erariale se continua a non rispondere e a non disporre gli adeguati provvedimenti per tutelarsi. Questa vicenda poteva concludersi prima. Oramai – conclude – non resta che correre ai ripari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *