Nuovo piano di riordino per la sanità brindisina

Il 2017 si preannuncia come un anno ricco di cambiamenti per il sistema sanitario locale in Puglia. L’entrata in vigore del Piano di riordino, che muterà la forma e la sostanza dell’Asl brindisina, il nuovo corso che la sanità locale sembra aver preso dopo anni di scandali, i lavori che si stanno portando avanti nelle varie strutture del territorio sono tutti segnali di un importante cambiamento. E la Regione Puglia ha già predisposto un nuovo piano di assunzioni, dopo anni di blocco del turnover che ha prosciugato la pianta organica dell’Asl di Brindisi, mettendo in seria difficoltà medici, infermieri, ausiliari e operatori sociosanitari ma anche i dirigenti, spesso sul banco degli imputati insieme al personale.
Sono 10 i milioni di euro stanziati dalla Regione Puglia per le assunzioni nella sanità brindisina; le risorse destinate a Brindisi sono una parte del tesoretto da 51 milioni di euro circa ricavato dai risparmi degli anni 2013-2014, e messo a disposizione dal direttore del dipartimento della salute, Giovanni Gorgoni, per lo scopo.
E’ felice di questo nuovo piano il direttore generale dell’Asl Giuseppe Pasqualone, che conta di poter rinforzare le risorse umane a disposizione dell’azienda entro i primi mesi del prossimo anno. “Abbiamo quasi concluso tutte le fasi concorsuali: 3 o 4 concorsi da primario saranno pronti entro fine anno, non appena avremo composto le commissioni, compito molto arduo; entro fine mese chiuderemo il concorso per Chirurgia, che è molto importante; sono chiusi e abbiamo già le graduatorie delle gare per Cardiologia, Pneumologia e Pronto Soccorso. Entro la fine dell’anno concluderemo anche le pratiche per i farmacisti. Vorremmo iniziare il 2017 con una pianta organica la più completa possibile. Per gli infermieri, invece, stiamo aspettando gli esiti del concorsone di Bari, anche se abbiamo avviato delle procedure preferenziali per intervenire lì dove ci sono le emergenze più pressanti. Per quel che riguarda gli operatori sociosanitari, invece, stiamo dando corso alle procedure di mobilità e, avendo chiuso la graduatoria, stiamo procedendo con le assunzioni”.
Inoltre si stanno ultimando i Pta, i presidi territoriali di assistenza, di Fasano, San Pietro Vernotico e Mesagne. “C’è stato un gran lavoro con la politica locale per migliorare il punto di partenza di queste strutture che ospiteranno alcune specialità per contribuire a ridurre sensibilmente i ricoveri inappropriati negli ospedali. – ha continuato – Di pari passo vanno anche gli interventi negli ospedali che resisteranno al piano di riordino. I lavori al ‘Perrino’ procedono: gli infissi sono stati quasi tutti cambiati anche se c’è qualche piccolo rallentamento poiché si stanno ritinteggiando anche gli interni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *