Obbligo di permanenza a casa, giro di vite sui controlli: A Matera scattano multe e denunce

“Non è più tempo di evadere dal dovere primario di proteggere se stessi e l’intera comunità attraverso comportamenti responsabili, rimanendo a casa ed evitando di uscire se non per comprovate ragioni che non possono essere quelle dell’attività fisica, ludico e ricreativa da fare all’aperto e per di più nei parchi che sono stati chiusi al pubblico”.

E’ quanto sostiene il Sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, che annuncia “controlli più serrati e tolleranza zero verso gli abusi che saranno puniti con le previste sanzioni penali e amministrative. 

Con disagio – spiega il Sindaco – sono costretto a trasformare l’invito in avvertimento perché alcuni concittadini, con incosciente disinvoltura, sfuggono all’obbligo civico di fermarsi in casa, circolando per la città sfrontatamente e immotivatamente. 

Se vogliamo battere l’insidiosa e mortale infezione virale, dobbiamo rispettare le ordinate regole di comportamento che la comunità nazionale si è data, senza furbizie e senza sconti.

In particolare, le uscite dall’abitazione e ogni spostamento possono avvenire solo se motivati da esigenze lavorative, da situazioni di necessità o per motivi di salute, da attestare mediante autocertificazione.

Con dispiacere, constato una personale e conveniente interpretazione delle previste “situazioni di necessità” nelle quali non rientrano le attività fisiche e ricreative all’aperto, né le passeggiate in città, utilizzando persino l’autovettura. Non è più tollerabile, inoltre, il mancato rispetto della distanza interpersonale di sicurezza (almeno un metro) all’interno e all’esterno degli esercizi commerciali durante l’acquisto di beni essenziali. 

Matera oggi può sfuggire alla dilagante epidemia se tutti, donne e uomini, indosseranno la divisa civica di sentinelle vigili della propria e dell’altrui vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *