Ondata di rapine nel Salento

Continua l’ondata di furti nel Salento. E i casi cominciano a diventare tanti. L’ultimo in ordine di tempo ieri sera a Lecce, intorno alle 22, quando un avvocato, mentre era nella sua abitazione, situata in viale Rossini, ha scorto un’ombra tra le piante del suo giardino. L’uomo ha subito chiamato gli agenti della Vigilanza ‘Veliapol’ e i Carabinieri. La sagoma del ladro era immobile e appostata tra gli arbusti. Era quella di una donna, di circa 45 anni, che aveva in mano una giara, appena prelevata dal giardino. La giara era molto bassa (120 cm l’altezza), non molto ingombrante e facile da asportare, il che porta a dedurre che la donna abbia fatto tutto da sola, senza la necessità di complici. Le forze dell’ordine l’hanno fermata in tempo e condotta presso la caserma, dove è stata querelata dalla vittima per il tentato furto. La donna è già nota alle forze dell’ordine. Al momento dell’arresto, aveva con sé alcuni arnesi da scasso e, per questo, deferita alle autorità competenti.

Ma non è finita qui. Infatti, a pochi giorni dalla rapina al centro scommesse ‘Set Betting Betitaly’ a Ruffano (LE), è stato messo a segno un altro colpo, questa volta ai danni del bar ‘Dea sbendata’, in via Santa Maria della Sanità. I ladri si sono introdotti nel locale, danneggiando l’ingresso e prelevando i contanti del registratore di cassa. Il bottino non è molto alto: solo un centinaio di euro.

Stamane altra rapina, sempre presso un bar (il Caffè Fantastico), a Squinzano (LE), in via Monte Grappa. I ladri, dopo aver manomesso la serratura dell’attività con il martello, sono entrati portando via il registratore di cassa e un videopoker

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *