Ospedale Stigliano, l’assessore Leone replica al capogruppo Pd del comune, Antonio Barisano

“Se le tante questioni aperte sulla sanità lucana devono rappresentare il terreno su cui alimentare lo scontro politico finalizzato alla conservazione della logica dei campanili, questo significa che qualche referente locale del centrosinistra non ha ancora analizzato e compreso fino in fondo le cause della recente sconfitta elettorale”. È quanto ha detto l’assessore alla Salute e Politiche sociali della Regione Basilicata, Rocco Leone, rispondendo alle dichiarazioni di Antonio Barisano, capogruppo del Partito democratico del Comune di Stigliano legate alla recente visita istituzionale del neo-assessore regionale all’ospedale locale.
“L’aspetto più preoccupante di questa strumentalizzazione politica riguarda la sfera etica, dal momento che al consigliere comunale del Pd interessano poco il miglioramento dei servizi offerti ai pazienti dell’Hospice e i disagi a cui sono attualmente costretti i loro familiari per raggiungere Stigliano. – ha detto Leone – Per ridare dignità a queste persone, pazienti e familiari, occorre tenere conto degli aspetti assistenziali e del fatto che l’utenza arriva in prevalenza da fuori, quindi dobbiamo allargare la visione oltre i confini comunali. Nelle ultime settimane ho visitato alcune strutture sanitarie e i sopralluoghi continueranno in tutta la regione perché, prima di intraprendere iniziative, il nuovo governo regionale intende toccare con mano i punti di forza e di debolezza dei nostri presidi ospedalieri. A Stigliano, purtroppo, ho trovato un ospedale non proprio in buona salute, ma abbiamo il dovere di risollevarlo per garantire il diritto alle cure degli abitanti di quella porzione territoriale. Ho già annunciato al sindaco che intendiamo potenziare il pronto soccorso e portare negli ambulatori più specialità per andare incontro alle esigenze degli anziani, così come irrobustiremo la lungodegenza e la riabilitazione con posti letto dedicati ai pazienti affetti da Alzheimer”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *