Parco Pollino, regolamento per gli indennizzi della fauna selvatica

L’Ente Parco Nazionale del Pollino ha adottato il nuovo Regolamento per l’indennizzo dei danni da fauna selvatica alle colture agro-forestali ed al patrimonio zootecnico. Il regolamento diventerà operativo trascorsi 15 giorni dalla sua pubblicazione. Il regolamento, che si compone di 12 articoli, adottato in esecuzione della Legge 394 del 1991, disciplina le modalità per l’accertamento, la valutazione, la liquidazione dell’indennizzo dei danni provocati al bestiame e alle colture agricole e forestali causati dalla fauna selvatica all’interno del territorio del Parco. Alle spese relative all’indennizzo dei danni si fa fronte con apposito capitolo del bilancio. I danni ammessi ad indennizzo sono danni alle colture agricole e forestali; danni a rimboschimenti fino a tre anni dall’impianto; danni a castagneto da frutto; danni al bestiame consistenti nell’uccisione o nel ferimento di capi causati da animali predatori. Il regolamento precisa, tuttavia, anche quali sono i danni non ammessi ad indennizzo. Il compito di raccogliere le denunce e di effettuare gli accertamenti è affidato al Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Corpo Forestale dello Stato. L’indennizzo dei danni è limitato ad un contributo percentuale sulla mancata produzione vendibile dell’annata.

Gli operatori agro-forestali dovranno, comunque, approntare tutte le misure di protezione legalmente possibili ed eventualmente prescritte dall’Ente Parco per proteggere le colture e il bestiame domestico. La mancata adozione dei sistemi di difesa eventualmente prescritti dall’Ente potrebbe ridurre la misura dell’indennizzo. Il regolamento disciplina anche le modalità di presentazione delle domande di indennizzo per i danni che sono valutati dall’Ente Parco sulla di indagini di mercato comparative e, o, sulla base di valori fissati da mercuriali delle Camere di Commercio territorialmente competenti. Il regolamento prevede i termini relativi alla liquidazione, le misure di prevenzione e di assistenza e la definizione del Castagneto da frutto. Per info, si può consultare il sito web del Parco, www.parcopollino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *