Parte la seconda edizione di ‘Adotta una strada’

Gli incidenti sulle strade extraurbane italiane causano ogni giorno la morte di 5 persone. Nel 2011 su queste arterie hanno perso la vita 1.778 persone che rappresentano il 46,1% delle 3.860 vittime totali. Per contrastare questo fenomeno e rendere sicure alcune delle strade più pericolose d’Italia la Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale e l’Arma del Carabinieri promuovono la seconda edizione del progetto “Adotta una strada”. Per due mesi, da novembre a fine gennaio, sulla SS 106 Jonica, considerata una delle arterie stradali più pericolose d’Italia, i Carabinieri adotteranno misure straordinarie aumentando i pattugliamenti in alcuni punti considerati particolarmente a rischio, avvalendosi, in questa attività, del supporto dei Nuclei radiomobili e delle Stazioni competenti. Durante i controlli, inoltre, i Carabinieri potranno distribuire etilometri monouso e depliant informativi con le regole da seguire per trasportare i bambini in auto, messi a disposizione dalla Fondazione ANIA. Sarà infine intensificata la lotta alla guida in stato psicofisico alterato, anche mediante l’utilizzo degli alcoltest e precursori che la Fondazione ANIA ha donato all’Arma. Nel 2011 i 43 incidenti stradali avvenuti sulla SS 106 Jonica, sul tratto dei 36 chilometri di questa provincia, hanno provocato 35 feriti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *