Petrolio a Pisticci. Una compagnia richiede di scavare un pozzo esplorativo

A Pisticci, e’ partita la caccia al petrolio. La richiesta è arrivata in Regione lo scorso 30 luglio da parte della Medoilgas Civita Ltd, con sede legale a Roma intenzionata a scavare un pozzo esplorativo, il “Fiume Cavone 1 dir” rientrante nel permesso di ricerca Montalbano, ma ricadente nel Comune di Pisticci. Il pozzo si trova ubicato a 52 metri s.l.m. ed è finalizzato ad esplorare la successione pleistocenica  considerato che – si legge nell’annuncio della compagnia – in altre località prossime al nuovo pozzo è risultata mineralizzata. Il pozzo prevede una profondità di 1.144 metri con una durata di cantiere di 35 giorni.
Sulla richiesta si registra il secco no dei Radicali che con Maurizio Bolognetti si oppongono alla Valutazione d’impatto ambientale presentata. “E’ un insulto al territorio – dice Bolognetti – ed un attacco inaccettabile ad un’area che andrebbe invece tutelata per le sue straordinarie caratteristiche naturalistiche. Per quell’area, non a caso, è presente la proposta di Parco del Geosito dei Calanchi. La Regione ha già pronto un Ddl per quest’area che è la stessa della concessione Montalbano dove si vuole ora ricercare e poi perforare col pozzo di esplorazione Cavone 1 dir”. Nella Via, inoltre, sempre in base alle indicazioni di Bolognetti, non è stato redatto alcuno studio sulle falde acquifere superficiali e sotterranee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *