Piano di gestione tra Arif e Parco Nazionale Alta Murgia per un sistema di cattura dei cinghiali più incisivo

L’Arif e Parco Nazionale dell’Alta Murgia insieme per gestire un sistema di cattura dei cinghiali, con la collaborazione del Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari e dei Carabinieri Forestali del Reparto Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Sarà firmata oggi, alle ore 11.30, presso l’Azienda dell’Arif “Cavone”, la convenzione fra i rappresentanti del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e dell’Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali.
Nel territorio del Parco sono stati montati e già dislocati 6 ‘Corral’, ovvero recinti per la cattura dei cinghiali la cui presenza è sempre più massiccia. Si tratta di una risposta concreta alle esigenze di sicurezza dei cittadini del Parco, e un primo intervento per arginare i disagi degli operatori economici e degli agricoltori e allevatori del Parco. Alla conferenza prenderanno parte anche il direttore dell’Arif Domenico Ragno, il Direttore del Parco dell’Alta Murgia, Domenico Nicoletti, e il Presidente Vicario del Parco Cesareo Troia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *