Piano Nazionale Infrastrutture: esclusa la Basilicata

basilicataIl quadro d’investimento per le infrastrutture strategiche per l’Italia presentate dal Ministro Maurizio Lupi è di circa 2.340 milioni di euro, che esclude categoricamente la Basilicata.

Sono previsti 300 milioni per ampliamenti ferroviari e 540 milioni per le manutenzioni straordinarie per le vie ferroviarie ed altre opere di qualsiasi tipo per tutta la penisola.

La regione Basilicata che offre più di tutte il suo contributo per l’interesse nazionale, grazie alla grande quantità di petrolio e metano, assolve al grande problema di approvvigionamento idrico della vicina Puglia, viene categoricamente esclusa dai piani di infrastrutture presentato dal Governo delle larghe intese. Si sta parlando della regione che non ha porti, aeroporti, che uno dei suoi capoluoghi (Matera) non viene servita dalle Ferrovie dello Stato, che vive il dramma del dissesto idrogeologico, non ha una piattaforma logistica per l’agricoltura ecc…

Si può ancora rimanere inermi e privi di iniziativa di fronte a queste notizie? Il Partito Democratico, che lo scorso 23 settembre ha tenuto le primarie per scegliere il candidato governatore regionale, ha discusso di queste cose o si è pensato solo alle poltrone?

“E’ inutile farsi domande, la nostra terra la dobbiamo difendere noi lucani! questo è il motivo e la ragione di esistere del movimento Alleanza Lucana, difendere strenuamente gli interessi di questa regione. Unirsi a noi è diventato un dovere civico”.

Camillo Donato Pierro – Consigliere Provinciale di Matera ‘Alleanza Lucana’

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *