Pittella, inchiesta Sanità Lucana: accolto il ricorso in Cassazione

Oggi a Roma si è svolta l’udienza in Cassazione, dove si è discusso il ricorso presentato dai legali di Marcello Pittella contro le accuse che hanno portato alla sua sospensione dal 6 luglio scorso dalla carica di governatore. Dinanzi alla sezione specializzata sui reati contro la fede pubblica erano presenti gli avvocati Franco Coppi e Donatello Cimadomo, anche se non è da escludere la presenza dello stesso Pittella, attualmente sottoposto al divieto di dimora a Potenza.

Dopo che la Procura di Matera aveva stabilito gli arresti domiciliari per il governatore Marcello Pittella per l’inchiesta sulla sanità lucana e dopo che il Tribunale del Riesame di Potenza ne aveva confermato il contenuto, la Cassazione si è pronunciata sul ricorso presentato dagli avvocati Franco Coppi e Donatello Cimadomo.

La Cassazione ha accolto il ricorso di Pittella e annullato con rinvio la decisione del tribunale del Riesame di Potenza che sarà dunque chiamato a decidere nuovamente sulla vicenda alla luce delle indicazioni di legittimità.

Resta confermato il divieto di dimora a Potenza disposto dal Riesame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *