Poli per l’infanzia: Leo lancia una giornata dedicata agli spazi per crescere

Sarà dedicata alle nuove frontiere dello spazio educativo e ai concorsi di progettazione indetti, su indicazione di Regione Puglia, dai Comuni di Altamura, Bari e Capurso per la realizzazione dei prossimi Poli per l’infanzia, la giornata di domani venerdì 22 ottobre a Capurso.

Si comincia la mattina alle ore 11,00 all’interno della Sala Mariana della Basilica Pontificia Minore della Madonna del Pozzo con il convegno tematico dedicato ad una riflessione sugli spazi dedicati all’apprendimento da zero a sei anni e sui possibili scenari innovativi del rapporto tra architettura e didattica, alla luce del Decreto Legislativo n. 65 del 13 aprile 2017 che promuove la realizzazione di Poli per l’infanzia, strutture che accolgono bambini e bambine fino a sei anni di età, promuovendo una continuità fortemente integrata del percorso educativo e scolastico. Un cambiamento importante che la Riforma dei Sistema Zerosei ha introdotto e su cui è bene farsi trovare pronti, visto che ricade nelle competenze assegnate alle regioni.

A confrontarsi sul tema ci saranno: Silvia Pellegrini, Direttrice del Dipartimento Politiche del lavoro, Istruzione e Formazione Professionale della Regione Puglia, Giuseppe Silipo, Direttore Generale Ufficio Scolastico regionale per la Puglia, Fabrizio Baldassare, delegato all’Istruzione di ANCI Puglia, i membri delle Commissioni dei concorsi di progettazione Silvia Panzavolta, Ricercatrice INDIRE, Michele Beccu, Professore di Progettazione architettonica presso l’Università Roma Tre, Giovanni Multari, Professore di Scienze dell’Architettura presso l’Università di Napoli Federico II; Francesco Forliano, Dirigente dell’Ufficio Scolastico regionale per la Puglia; Gianluca Lombardo, Dirigente dell’Ufficio II della Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione presso il Dipartimento per il Sistema educativo di istruzione e formazione del Ministero dell’Istruzione.

Sarà possibile seguire il convegno di apertura solo on line, collegandosi al seguente link: https://sysap.webinargeek.com/poli-per-l-infanzia-innovazione-tra-architettura-e-didattica/join/yryuiltr

Nel pomeriggio della stessa giornata, sempre nel chiostro della Basilica Pontificia Minore della Madonna del Pozzo di Capurso, è in programma, invece, alle ore 15,30 l’evento di premiazione dei vincitori dei concorsi di progettazione indetti dai Comuni di Altamura, Bari e Capurso per la realizzazione dei prossimi Poli per l’infanzia.

Nel 2018, infatti, l’Assessorato regionale all’Istruzione, nell’ambito dell’iniziativa del Ministero dell’Istruzione finalizzata a favorire la costruzione di edifici da destinare a Poli per l’Infanzia, ha siglato con tre Comuni, selezionati, un Protocollo d’intesa destinato proprio all’attivazione, predisposizione e gestione dei tre concorsi, quale modalità per l’affidamento della progettazione nell’ottica di elevare la qualità dei progetti architettonici.

I concorsi, che hanno fatto registrare un notevole numero di candidature, si sono conclusi consentendo di raggiungere l’obiettivo perseguito dall’amministrazione regionale, con la collaborazione dei Comuni interessati. Adesso è tutto pronto per l’evento di premiazione in cui l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo, insieme ai rappresentanti dei Comuni banditori e ai membri delle Commissioni di valutazione assegneranno i premi e le menzioni speciali ai vincitori. In quell’occasione si procederà anche all’inaugurazione della mostra dei progetti vincitori e di quelli candidati. La mostra intitolata “Spazi per crescere”, curata con un impegno corale da parte di tutti gli enti coinvolti e con il sostegno tecnico di ARTI Puglia, è dedicata proprio al racconto dell’esperienza dei concorsi di progettazione.  Sarà visitabile a Capurso fino al 31 ottobre, per poi essere ospitata anche dagli altri due Comuni di Bari e Altamura. Nella medesima occasione sarà presentato anche il catalogo dei progetti partecipanti ai concorsi con i contributi di tutti i protagonisti.

“Un grande momento di approfondimento sugli spazi educativi con esperti di livello nazionale ma anche una festa che conclude lo straordinario percorso realizzato con i concorsi di progettazione dei Poli per l’infanzia della Puglia” ha dichiarato l’assessore regionale all’Istruzione Sebastiano Leo che aggiunge: “Lo strumento del concorso per elevare la qualità della progettazione degli spazi dell’apprendimento è l’idea alla base di un’operazione nata tre anni fa, grazie all’intuizione del mio ex collega consigliere regionale Enzo Colonna e che io ho sostenuto fortemente. Ciò darà vita nei Comuni di Bari, Altamura e Capurso, beneficiari del finanziamento, ai primi Poli per l’infanzia della Puglia, concepiti secondo il nuovo modello e percorso educativo definito dalla cosiddetta legge sulla “Buona Scuola” (per la fascia 0-6 anni). Un progetto coraggioso dall’approccio innovativo che ha fatto della Puglia una regione all’avanguardia sia in materia di progettazione degli spazi educativi sia in materia di governance condivisa del processo, vista la collaborazione interistituzionale tra diversi livelli di programmazione degli interventi. Ciò che non avevamo previsto è stata la grandissima partecipazione da parte di professionisti da tutta Italia ai concorsi di progettazione promossi dai Comuni e l’entusiasmo all’interno delle Commissioni di valutazione chiamate a valutare i progetti candidati, tutti di elevata qualità. Questi contributi rappresentano un incredibile patrimonio di interesse comune allo sviluppo delle politiche educative, non soltanto in ambito regionale ma anche su scala nazionale. Era doveroso condividerli e valorizzarli, da qui l’idea di una mostra ed un catalogo con tutti i progetti candidati, oltre a una celebrazione dei vincitori con un evento di premiazione. L’integrazione dei sistemi educativo e scolastico è un tema che ci appassiona e su cui stiamo investendo molto, continueremo a farlo sempre di più perché impegnarsi verso le bambine e i bambini significa investire sul nostro futuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *