Policoro, ultimi giorni di campagna elettorale

Ultimi giorni di campagna elettorale a Policoro, in vista delle elezioni amministrative, previste per questo fine settimana. A contendersi la poltrona di Piazza Aldo Moro ci sono 6 candidati, con una competizione interna al centrosinistra, e 17 liste presentate. I candidati alla carica di primo cittadino sono: Giuseppe Di Matteo (Lista Stella), Gianluca Marrese (PD, UdC, IdV, Alternativa è Futuro e Policoro Democratica), Gianni Di Pierri (Api, Mpa, Fli e Policoro Futura), Ottavio Frammartino (Policoro è Tua), Filippo Vinci (sostenuto da 3 civiche, Vinci per Policoro, Nuova Heraclea e Casa dei Moderati) e Rocco Leone (Pdl, Impegno Comune e Trenta). I 3 che, sulla carta, hanno le chance maggiori di vincere la tornata elettorale sono Marrese, Di Matteo e Leone.

Durante la campagna elettorale, Marrese ha attaccato solo velatamente la precedente amministrazione. “Faremo una mappatura dei comparti edili non ancora completati. Non sono stati definiti ne regolamento urbanistico e ne piano d’ambito. Dobbiamo metterci mano per consentire alla città di svilupparsi e creare turismo economia ed occupazione. Vanno risolte le questioni che riguardano la vivibilità del cittadino. Policoro – ha concluso Marrese – deve diventare una vera città turistica”

Di Matteo è il candidato della Lista Stella, il movimento del presidente della Provincia di Matera, Franco Stella, che è anche capo nell’Ente locale di una maggioranza coesa di centrosinistra. “Voglio dare un contributo molto forte a questa città – ha detto Di Matteo – oggi è necessario uno sforzo nuovo per guidare Policoro; ognuno di noi deve dare di più per far crescere la comunità e intervenire in tutti quei settori che sono fermi da troppo tempo”. Rilancio dell’agricoltura, destagionalizzazione del turismo, valorizzazione del territorio, nuovo piano urbanistico e sviluppo sociale e culturale sono alcuni dei punti chiave della proposta della Lista Stella per Policoro. “Noi siamo per un’amministrazione buona, sana e trasparente– ha aggiunto il candidato sindaco – per questo abbiamo scelto di correre con una lista civica, distante dai partiti che troppo spesso vi hanno illuso e pure deluso”.

Chi ha già esperienze in precedenti amministrazioni è Rocco Leone: vicesindaco, sindaco facente funzioni, assessore alle politiche sociali, oltre che stimato professionista. Leone auspica che la gente inizi a fare piccole rivoluzioni in politica. “Credo molto ai cambiamenti dal basso, agli indirizzi che la gente comincia a dare – ha affermato – occorre che il cittadino scelga il candidato guardando la storia dell’uomo, cosa ha dato e cosa ha preso dalla comunità. Solo così si possono scegliere le persone più degne a prescindere dal colore politico. Credo sia necessario ridare alla politica la dignità che gli spetta, il ruolo di gestione di potere come servizio e non di gestione di fatti personali. Soprattutto nelle amministrazioni locali dove il rapporto col cittadino è diretto deve riuscire a ridiventare esempio di trasparenza, di lealtà, di correttezza e buona amministrazione. Solo così si può riavvicinare la gente alla politica che deve tornare ad essere quello che dicevano i greci, cioè gestione della città, non mero potere del personale”. Per la cronaca, i candidati a consigliere sono 268. Gli elettori sono 13.488 su 16.754 cittadini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *