Presentato il calendario in onore di Sarah Scazzi

E’stato presentato ieri presso l’Auditorium del Comune di Avetrana (TA), il calendario 2011 ed un cd dedicato a Sarah Scazzi, la 15enne morta lo scorso 26 agosto nelle campagne del centro jonico. Un calendario nato per raccogliere fondi da destinare alla costruzione di un canile per randagi. A suscitare scalpore la presenza di Giovanni Conversano, ex concorrente di Uomini e Donne.

E, da qui, è scaturita una serie di polemiche ed insulti gratuiti tra i partecipanti

Una polemica nata dopo le dichiarazioni (evitabilissime) del Presidente della Pro Loco di Avetrana, Emanuele Micelli: “Come possiamo dare un’ immagine positiva di Avetrana se sulla morte di una ragazzina si organizza una serata con un tronista?”. La risposta non si è fatta attendere; il sindaco Mario Di Marco ha censurato la dichiarazione di Micelli, parlando di “parole fuori luogo, il presidente della Pro Loco deve scusarsi con la comunità avetranese e con la famiglia Scazzi, perché ha pescato nel torbido. La gente pensava che, dietro la presentazione del calendario, ci fosse una spettacolarizzazione dell’evento. Addirittura sono giunte in Comune lettere di indignazione, con espressioni di vergogna, come se avessimo organizzato qualcosa di diabolico”

Molto dure le parole di Claudio Scazzi, fratello di Sarah: “Pensavamo che i denigratori dovessero solo tacere, invece ci sono stati fango e ombre sull’iniziativa. Vogliamo solo costruire un canile, senza nessuna polemica né ‘scopi secondari’.”  

“Sulla tragedia di Sarah Scazzi c’è stata una spettacolarizzazione ben più grave del calendario che viene presentato questa sera in sua memoria. Inoltre, penso che ha fatto sicuramente meglio la famiglia di Yara, che ha mantenuto il silenzio sulla vicenda: questo è il modo migliore per vivere il dramma”. Ne è convinto l’ex tronista di ‘Uomini e donne’, Giovanni Conversano, che spiega il suo pensiero parlando con i giornalisti poco prima della presentazione del calendario nel quale compare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *