Presentato nell’area Parchi della Fiera del Levante il progetto ‘Comunità Agricoltori e Pescatori del Salento’

Genuinità, tradizione, recupero delle tipicità locali. Sono le direttrici attraverso cui si muove il progetto “Comunità Agricoltori e Pescatori del Salento”, sostenuto da Fondazione con il Sud nell’ambito del “Bando Ambiente 2015”,  che è stato presentato nell’Area Parchi del padiglione 18 alla Fiera del Levante di Bari. Di scena le riserve naturali orientate del litorale Tarantino orientale, del Parco Naturale e Regionale Litorale di Ugento, le aree marine protette di Torre Guaceto e Porto Cesareo insieme a Slow Food Alto Salento e Slow Food Manduria-Terre del Primitivo, con laboratori di educazione alimentare e ambientale.
Dalla semplice frisella di grano condita con pomodorini e olio extravergine d’oliva, agli insaccati di pesce privi di additivi e conservanti chimici, i gioielli a filiera corta di terra pugliese hanno raccontato l’eccellenza da salvaguardare per promuovere uno stile di vita sano. Salvaguardia dell’ambiente e valorizzazione di pratiche agricole e di pesca sostenibili, che tutelino i piccoli produttori e i prodotti a rischio estinzione, passando attraverso la cultura e la storia delle comunità pugliesi, gli obiettivi prioritari di Comunità Agricoltori e Pescatori (Cap). Per raggiungerli, saranno realizzati tre presidi della pesca sostenibile coinvolgendo i pescatori delle aree marine protette interessate con l’oasi blu di Ugento e un presidio del pomodorino di Manduria nelle riserve del Litorale Tarantino.
Saranno condivisi disciplinari di raccolta e produzione valorizzando i territori di origine, preservando tecniche tradizionali e garantendo pratiche sostenibili. I prodotti dei presidi e delle comunità di agricoltori e pescatori delle aree coinvolte saranno raccolti, catalogati e descritti nel paniere dei prodotti dei Parchi del Salento. A conclusione delle attività, saranno realizzati i Mercati itineranti della Terra e del Mare nelle aree protette, crocevia di scambio tra produttori, cuochi dell’alleanza e cittadinanza locale. Ugento ha presentato in fiera i  “pescatorini”, salumi a base di spada e tonno, e la ‘nduja di pesce, conservati grazie all’utilizzo di un agente naturale come il vincotto. Da Manduria invece, i  pomodorini rossi hanno sposato l’origano selvatico della macchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *