Presentato oggi a Bari il progetto di cooperazione Corto Circuito dei Contadini che coinvolge 10 GAL

Un nuovo approccio alla rete ed al sistema della filiera agroalimentare, un “Corto Circuito dei Contadini” come recita il titolo del progetto di cooperazione interterritoriale che vede impegnati 10 Gruppi di azione locale (Gal) pugliesi nel valorizzare e promuovere i prodotti tipici ed i territori. A presentarlo oggi a Bari in conferenza stampa sono intervenuti Pasquale Lorusso, direttore tecnico del GAL Terre di Murgia (Gal capofila del progetto), Cosimo Sallustio, responsabile Asse III e Asse IV PSR (Programam di Sviluppo Rurale) della Regione Puglia, Francesco Schittulli, presidente nazionale della Lilt (Lega Italiana Lotta ai Tumori), Arcangelo Cirone, direttore del Gal Sud-Est Barese e Nicola Mercurio, presidente del Gal Fior d’Olivi. Durante l’incontro sono state presentate le azioni comuni del progetto, che ha “l’obiettivo generale – ha spiegato Lorusso – di valorizzare i prodotti tipici locali ed il turismo rurale grazie ad una strategia di sviluppo del mercato della filiera corta e del Km zero. La freschezza del prodotto e la stagionalità assumono in questo contesto un ruolo chiave permettendo da un lato agli agricoltori di tornare protagonisti nel sistema e dall’altro consentendo di fare buona educazione alimentare”.
“Vista l’importanza educativa del progetto non poteva mancare – ha aggiunto Schittulli – il patrocinio dato dalla Lilt. È una strategia vincente accattivarsi i bambini sin dalle scuole materne su temi fondamentali come la nutrizione. Così si può incidere al meglio a livello sanitario, scolastico ed agricolo facendo emergere il valore della sana alimentazione”.
“L’azienda agricola è sempre di più al centro delle attenzioni ed il suo ammodernamento ci consente – ha sottolineato, Sallustio – di rivisitare le dinamiche agricole, alimentari e rurali. Con questa iniziativa dei Gal, che svolgono da sempre un ruolo di connessione sui territori, è stata fatta massa critica su tutto il territorio regionale. Abbiamo così tante chances da giocarci e credo riusciremo finalmente a far apprezzare anche le caratteristiche e le peculiarità di ciò che c’è dietro i nostri prodotti. Ed i contadini con noi, come sta avvenendo per Expo 2015, saranno sempre in prima fila quanto ad attenzione”.
A supporto delle attività è stato realizzato un kit educativo contenente un e-book che racconta le storie di “Slurp e Gnam”, il fumetto “Il viaggio di Corto Circuito – Missione Biofonte” e il video gioco “Eco-warriors Apulia Food”. “La realizzazione di strumenti didattici, messi a disposizione dai Gal partner, ha già prodotto – secondo Cirone – effetti positivi, come nel caso del Gal Seb che ha dato vita ad un protocollo d’intesa con 17 scuole primarie per trasferire, tramite biologi nutrizionisti, le conoscenze sul mangiare e bene sano”.
Ciascuno dei Gal è poi impegnato nella realizzazione dei “Mercati di Corto Circuito dei Contadini”. “Grazie ad una mappatura dei prodotti locali, degli operatori e delle aziende vorremmo realizzare in ogni comune – ha auspicato Mercurio – questi luoghi di commercializzazione dei prodotti agricoli. Il tutto secondo un approccio condiviso e sulla base di nuovi modelli di produzione e trasformazione che promuovono un rapporto diretto tra produttori agricoli e utilizzatori finali”.
“Corto Circuito dei Contadini” è un progetto di cooperazione interterritoriale (ex Misura 421 PSR Puglia 2007 – 2013), che vede impegnati i Gal Terre di Murgia, Sud Est Barese, Conca Barese, Ponte Lama, Fior d’olivi, DaunOfantino, Gargano, Daunia Rurale, Terra dei Messapi, Terra d’Otranto. Nel corso dell’incontro è stata inoltre annunciata la partecipazione a cura dei Gal Terre di Murgia e SEB al Festival “Il Libro Possibile” di Polignano a Mare (dall’8 al 13 luglio 2015), grazie a due apposite aree denominate “Mercato dei Contadini” & “Angolo degli Artigiani”, nell’ambito delle azioni locali del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *