Presentato stamane il Premio Cultura Artistica ‘Lucania, terra di confine dei 5 sensi’

Un premio per valorizzare i giovani artisti e creativi italiani, fra i 18 e i 35 anni d’età, e al contempo l’intero territorio della Provincia di Matera. E’ stato presentato, questa mattina nel corso di un incontro pubblico nella Sala della Memoria e del Ricordo della Provincia di Matera, il Premio di Cultura Artistica Contemporanea, che per la prima edizione sarà dedicato al tema “Lucania, Terra di Confine dei cinque sensi”.

“Il premio è la prima iniziativa dell’Associazione “Giovani Artisti Italiani” (Gai) a cui la Provincia di Matera ha aderito con D.G.P. n. 50 del 9.03.2012 – ha spiegato il presidente del Consiglio provinciale e referente per il nostro territorio del Gai Aldo Chietera – allo scopo di sostenere la creatività giovanile attraverso iniziative di formazione, promozione e ricerca. Nella nostra provincia – ha proseguito Chietera – i referenti del Gai sono la docente di Storia della Critica d’Arte all’Università degli Studi di Bari Maristella Trombetta e la dottoressa Simona Visceglia e quattro giovani studiose materane Valeria Mantarano, Maria Emanuella Di Cuia, Brunella Giacoia e Claudia Lenoci”.

“Per partecipare al premio “Lucania, Terra di Confine dei cinque sensi”, che si rivolge a tutti i giovani artisti ed artigiani professionisti, emergenti, autodidatti ed a studenti di nazionalità italiana (residenti e non-residenti in Italia) o stranieri che operano sul territorio nazionale italiano – ha proseguito Maristella Trombetta – occorre inviare un cd con il curriculum vitae del candidato, una breve descrizione dell’opera candidata con motivazione al tema del premio ovvero a quale sezione dei “cinque sensi” si vuole partecipare e naturalmente l’immagine dell’opera e/o il video. Fra tutti i lavori pervenuti saranno scelte le opere finaliste e quelle selezionate per il catalogo che presenteremo a dicembre. Ad aprile, inoltre, queste opere saranno esposte nella mostra “Premio Terre di confine 2012”. Una mostra a cui seguirà anche, per i vincitori, la pubblicazione di un catalogo personale e la possibilità di esporre in gallerie italiane e europee, abbiamo già avuto la prima adesione da una galleria svizzera”. Il bando del concorso è già scaricabile dalla home page del sito http://gaiprovinciamatera.it/ . Sito in fase di costruzione da parte dello sponsor tecnico del Gai – Provincia di Matera, l’agenzia di comunicazione Ideama a cui è affidata anche a comunicazione visiva e che ha realizzato il logo del premio “Terra di Confine”.

Il Gai – Provincia di Matera promuoverà, a partire dal concorso, una serie di iniziative come seminari, tavole rotonde e laboratori, che costituiranno il Festival della cultura artistica contemporanea. Una manifestazione che si articolerà su tutto il territorio del Materano e che metterà in rilevo lo status della “produzione culturale” legata sia al mondo delle arti che a quello dell’artigianato artistico proprio per creare quelle sinergie tra settori dell’industria culturale e turistica finalizzate alla promozione ed alla valorizzazione dei giovani talenti del territorio e italiani.

“Questa iniziativa consentirà di promuovere anche il nostro territorio – ha proseguito l’assessore al Turismo della Provincia di Matera Angelo Garbellano – attraverso mostre e laboratori di arte contemporanea che offrano nuove occasioni per visitare i nostri comuni”.

Gli amministratori di Calciano, Colobraro, Craco, Ferrandina, Grottole, Nova Siri, Pomarico, Rotondella e Scanzano Jonico si sono già detti disponibili a proseguire un dialogo con il Gai e valutare la possibilità di ospitare alcune sezioni del Festival della cultura artistica contemporanea.

Alla presentazione del Gai e del premio “Lucania, Terra di Confine dei cinque sensi” è intervenuta anche la Soprintendente ai beni artistici, storici e demoantropologici Basilicata Marta Ragozzino che ha ricordato la convenzione, a livello nazionale, fra il Gai e la Direzione Generale per il Paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee e Direzione Generale per la valorizzazione del Patrimonio Culturale del Ministero per i beni e le attività culturali. “La Soprintendenza collaborerà a quest’iniziativa – ha detto Marta Ragozzino – mettendo a disposizione le proprie professionalità e competenze”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *