Procura di Bari archivia la morte del canoista del Cus Bari

La Procura di Bari ha archiviato l’indagine su eventuali violazioni in materia di sicurezza e ritardo nei soccorsi relativi alla morte di Nicola Mangialardi, il canoista modugnese del Cus Bari deceduto il 9 marzo 2015 durante un allenamento, ritenendo l’incidente una tragica fatalità, causata da imprudenza.
Dopo il decesso la Procura aveva aperto una prima inchiesta per omicidio colposo a carico di due persone, l’atleta che si allenava quel giorno con la vittima e il titolare del pontile contro il quale la canoa si schiantò. Gli accertamenti della Capitaneria di Porto, coordinati dal pm Simona Filoni, esclusero responsabilità e portarono ad una prima archiviazione del caso.
Lo stesso pm, però, nella richiesta di archiviazione, rilevava “l’assenza di una efficace regolamentazione in materia di sicurezza della navigazione all’interno del bacino portuale di Bari, che si traduce in abbassamento del livello di sicurezza della navigazione”. Il gip dispose nuove indagini giunte oggi all’archiviazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *