Puglia, droni alla caccia di perdite d’acqua

Un drone per scoprire problemi e eventuali perdite è stato utilizzato dall’Acquedotto Pugliese, senza interrompere il servizio, per percorrere la condotta principale di approvvigionamento dell’acqua in Puglia. È stata completata l’ultima ispezione del Rov (Remoted Operated Vehicle), un sommergibile a comando remoto dotato di videocamera rotante a colori ad alta risoluzione e sistema sonar, dopo due giorni di controlli nel corso dei quali sono stati impegnati numerosi lavoratori e tecnici altamente specializzati. Il personale, quindi, non è stato costretto, come accadeva in passato, a introdursi all’interno della condotta. L’attività straordinaria con un drone subacqueo – rende noto Aqp – è una novità per l’Italia “e ha il pregio di non dover interrompere il flusso di acqua nel tratto del canale principale interessato dai controlli”. Attraverso gli occhi elettronici di un ROV è stato possibile acquisire dati che permetteranno la pianificazione di interventi per il risanamento del Canale. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *