Puglia, rinviata al 3 novembre l’udienza tra Cipriani e Emiliano

Si è tenuta giovedì la prima udienza al Tribunale di Bari della querelle Cipriani-Emiliano. Dinanzi al giudice Mastromatteo la difesa di Luigi Cipriani, responsabile del movimento ‘Riprendiamoci il Futuro’, si è costituita parte civile. Il capo d’imputazione nei confronti del governatore pugliese è diffamazione aggravata a mezzo stampa;  l’avvocato difensore di Emiliano, Gaetano Sassanelli, ha chiesto e ottenuto il rinvio al 3 novembre prossimo.
Stando all’accusa, Emiliano, in occasione della trasmissione televisiva ‘Viva l’Italia’ trasmessa su Rete 4 il 13 settembre 2018, commentando la visita a Bari dell’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini, avrebbe diffamato Cipriani, il quale accolse Salvini nella sede del movimento, nel quartiere Liberta’, dove l’ex ministro tenne un comizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *